Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 9,83
OggettodisegnoAutoriMuzzarelli, Paolo [Info autore]Titolo[Decorazione del soffitto della sala nella villa Sardini a Pieve Santo Stefano]Datazione1778 (documentazione)Materia e tecnicacarta, grafiteMisuremm 215 x 305CommittenteSardini, Giacomo marchese
Notizie storico-criticheIl marchese Giacomo Sardini aveva messo su carta le proprie idee a proposito della decorazione del soffitto della sala principale della villa a Pieve Santo Stefano (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 9,92), per la cui ristrutturazione si era largamente avvalso di consigli e disegni inviatigli da Carlo Bianconi (ibidem, 9,54; 9,96; 9,86). Il pittore incaricato dell'esecuzione fu il non meglio noto Paolo Muzzarelli, il quale aveva annunciato in una lettera al marchese, spedita da Bologna il 15 settembre 1778, l'invio dei propri disegni per il soffitto (Archivio di Stato di Lucca, Archivio Sardini=AS, cart. 142, n. 674); il foglio in esame ed altri due conservati da Sardini sono verosimilmente riconducibili alla circostanza (Milano, Collezione Sardini Martinelli 9,83; 9,95). Il committente era arrivato a Muzzarelli grazie alla segnalazione di un corrispondente che sapeva di un precedente incarico per lavori "a uso Raffaello" eseguiti per il conte Zini (da leggere Gini) (AS, cart. 143, n. 859). Sardini, nelle proprie Memorie, attribuì erroneamente al pittore la qualifica di "accademico clementino": "Evvi colà una sala che avea io fatto ornare di stucchi a diversi riquadri di bugne con risalti di fasce e di cornici adattandole in questo modo alle pitture di grottesche sul gusto che dicesi di Raffaello. Esse furono concertate ed eseguite negli ornati dal bolognese Muzzarelli accademico clementino cui aggiunsi il nostro Bertani" (AS, n. 128, Memorie ... M. Teresa Sardini, c. 18). Muzzarelli, forse formatosi presso l'accademia bolognese, poteva essere imparentato con l'ornatista Giuseppe Muzzarelli segnalato dalla locale letteratura artistica (A. C. Romagnoli, La storia delle arti del disegno, Bologna 1888, p. 111). Il modello di riferimento della decorazione pittorica che aveva guidato le scelte di Sardini viene anche ribadito negli scritti del suo amico Tommaso Trenta: "L'esquisito gusto, e l'eleganza degli ornamenti congiunta ad una sorprendente vivacità di colorito formano il carattere del sig. Muzzaroli; imitatore felicissimo delle non mai abbastanza lodate Volte del Vaticano" (Archivio di Stato di Lucca, Carte Trenta, vol. 16, fasc. 31, c. 336). Il foglio in esame insieme agli altri due citati studi di Muzzarelli mostrano il tentativo, da parte del pittore, di suggerire una decorazione centrale di sagoma ovale, in parte apparentata con l'idea di Bianconi (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 9,86), ovale però da affiancare con ulteriori campiture decorative.
La villa fu demolita intorno al 1930.

AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro