Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 9,126
OggettodisegnoAutoriSardini, Giacomo [Info autore]Titolo[Terzo progetto con un prospetto neopalladiano per la Villa Sardini a Pieve Santo Stefano]Datazione1775 (documentazione)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostroMisuremm 425 x 550
Notizie storico-criticheI consigli di Carlo Bianconi per la facciata della villa Sardini portarono verso la delineazione finale, con lo scalone del pronao non più contenuto entro il basamento (si veda il disegno di Bianconi, Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 9,54, pubblicato in Dallaj, 2005, p. 42, fig. 12). Il marchese aveva accolto le critiche dell'architetto e, rispetto alla stesura preliminare (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 9,79), decise di modificare le proporzioni delle colonne e tralasciare lo zoccolo dapprima interposto tra il piano e la base. Bianconi aveva ricevuto copia del disegno in seame insieme ad altri e nella sua lettera di commento datata 20 febbraio 1775 (Archivio di Stato di Lucca, Archivio Sardini =AS, cart. 141, n. 81) aveva apprezzato l'impiego del fregio piano per le finestre, proposto al marchese in uno dei primi contatti epistolari, fornendo nuovi consigli: le finestre del livello superiore avrebbero dovuto essere quadrate e le mensole di quelle sotto il portico eliminate. Alcune tracce a matita lasciano intuire come Sardini desiderasse sottolineare gli angoli dell'edificio con un rivestimento a bugnato analogo a quello delineato a penna alle estremità del basamento. Questa soluzione verrà inserita da Bianconi nel proprio disegno definitivo, non conservato ma descritto nella lettera di accompagnamento (AS, cart. 141, n. 86); dallo stesso documento sappiamo che l'architetto aveva pensato a gradini squadrati, mentre quelli della proposta di Sardini sono coronati da tondino. Altre soluzioni di Sardini inserite in questo disegno saranno criticate da Bianconi nella lettera con la quale spedirà il foglio inv. 9,54 sopra citato: la base attica era giudicata "soverchiamente ricca per il dorico" e inutili le ringhiere delle finestre sotto il portico, di fatto "non praticabili" (AS, cart. 141, n. 82).
L'edificazione definitiva, pur mantenendo il portico "palladiano" (Sabatini, 1993, p. 60) per il quale Sardini si era ispirato alle Ville Trissino e Badoer (Archivio di Stato di Lucca, Archivio Sardini, cart. 128: Memorie della famiglia Sardini, fascicolo 15), seguì forme diverse da quelle presentate in questa tavola. La villa fu demolita intorno al 1930.

BibliografiaP. Bertoncini Sabatini, P. Betti, Giacomo Sardini 1750-1811, Lucca 2019, pp. 83-84 nota 42, p. 84 fig. 60 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro