Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 9,11
OggettodisegnoAutoriMartinelli, Domenico [Info autore]SoggettoSezione longitudinale del ponte verso il giardino del castello di AusterlitzDatazione1695 ca. - 1702 ca. (bibliografia)Materia e tecnicacarta, bistro a penna, acquerello, grafiteMisuremm 385 x 525CommittenteKaunitz, Dominik Andreas conte
Notizie storico-criticheSi tratta della sezione del ponte verso il giardino (prospetto in Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 9,15) e del prospetto della nicchia che inquadra la porta della stanza da bagno. Della porta, disponiamo di altri disegni contenuti in due manoscritti della Biblioteca Statale di Lucca: il n. 1855 a f. 21r, e il n. 1856 al f. 368r. Quello nel ms. 1856 è identico a questo di Milano, mentre in quello del ms. 1855, dove accanto al prospetto è riprodotta anche la sezione, viene inserita una chiave di volta modanata. Quest'ultimo è del tutto analogo, salvo per la piccola variante dell'aggetto dell'architrave in corrispondenza del cuneo centrale dell'archivolto, al disegno del taccuino Micheletti f. 2 (Lucca, collezione privata; già Lucca collezione Micheletti, 31/2).
Sotto il contrafforte sinistro del ponte, la sezione mostra la grande nicchia ideata per contenere una statua, in dialogo visivo diretto con il bagno. La nicchia e' incorniciata da una ghiera a tre fasce degradanti, con chiave di volta decorata da emblemi. Per la cornice della nicchia Martinelli aveva appositamente predisposto un modano (Milano, Collezione Sardini Martinelli, inv. 2,23)
In questa tavola, rispetto a quella contenente il prospetto, l'architetto si spinge più ad ovest, raffigurando anche lo spazio compreso tra il ponte e il giardino superiore. A destra si vede, infatti, una delle statue che decoravano la balaustra del giardino superiore, ancora oggi visibili nel parco, poste ad inquadrare la visuale sul castello (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 2,9 e 2,11).

BibliografiaH. Lorenz, Domenico Martinelli und die österreichische Barockarchitektur, Wien 1991, pp. 160, 331 n. MZ 467, fig. 132 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]L. A. Ronzoni, Giovanni Giuliani/ Catalogo della mostra, Wien, 2005, catalogo mostra, München 2005, p. 31 n. 9Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz: i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di A. Scotti Tosini, Cinisello Balsamo 2006, p. 129 n. 23 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro