Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 8,7
OggettodisegnoAmbito culturaleambito emilianoTitolo[Decorazione di una volta]Datazionesec. XVIII ultimo quarto (analisi stilistica)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostro, acquerelloMisuremm 432 x 272
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale il marchese Giacomo Sardini lo aveva rilegato, il disegno viene definito: "Soffitto in pittura". Il foglio, che denota una mano sicura sia nella costruzione dell'impianto prospettico, che nella resa delle dense, profonde, ma morbide ombreggiature, indicate dall'uso sapiente dell'acquerello grigio, è relativo alla costruzione quadraturistica per la zona angolare di una volta al centro della quale viene prevista una vasta apertura mistilinea da campire con un tema iconografico che non siamo in grado di specificare. Si tratta di un'intelaiatura dal sodo impianto architettonico - quasi un austero neocinquecentismo nella nettezza delle forme di gusto classicheggiante, i dentelli che proiettano nitide ombre, le fasce a treccia, i dadi, il diamante, la cornice di foglie di quercia vagamente geometrizzante - con qualche concessione però ancora alle eleganze e alle sinuosità barocchette evidenti nel cartouche posto in angolo, tratteggiato in forme leggermente asimmetriche. Sulla base di queste considerazioni l'autore del foglio in esame, assimilabile per tecnica e stile al n. inv. 8,8 della Collezione Sardini Martinelli, sarà da ricercare tra i pittori attivi in Emilia sul finire del Settecento, che sull'esempio di Mauro Tesi (1730-1766) sceglieranno di orientarsi, come il bolognese Giuseppe Jarmorini (1732-1816), verso un rigoroso neocinquecentismo, un'austera monumentalità di indirizzo accademico, senza però rifiutare del tutto gli aggraziati e sfrangiati elementi rocaille.
BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 25 n. 7 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro