Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 7,20
OggettodisegnoAmbito culturaleambito luccheseAutoreGiusti, Gian Francesco [Info autore]Altre attribuzioniSardini, GiacomoTitolo[Progetto del prospetto principale per la Villa Sardini a Pieve Santo Stefano]Datazione1757 post - 1770 ante (analisi storica)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostro, acquerelloMisuremm 232 x 386CommittenteSardini, Lodovico
Notizie storico-criticheNell'"Indice de Disegni" del tomo nel quale era rilegato il disegno, insieme agli altri prospetti del gruppo, viene definito: "Elevazioni diverse relative alle stesse piante" (il rimando è alle "piante per riattare l'antica villa di Casa Sardini alla P. S. Stefano").
Si tratta di un'ipotesi progettuale che aveva preceduto quella che, a partire dal 1774, aveva portato il marchese alla riedificazione della villa a Pieve Santo Stefano in forme neo palladiane (disegni conservati in Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 9,47; 9,79; 9,126; 9,54; 9,96; 9,67. Sulla villa si veda da ultimo P. Bertoncini Sabatini, Il palazzo lucchese di Giacomo Sardini (1780-1811): un "intendente" di architettura tra Illuminismo e Romanticismo, in Le dimore di Lucca, Firenze 2007; l'autore non aveva avuto modo di esaminare i fogli citati, in quanto esclusi dalla consultazione per motivi di conservazione). Preesisteva in loco un edificio per il quale il padre di Sardini, assente da Lucca, aveva affidato al fratello Lodovico, tutore dei figli, il compito della "restaurazione della casa" (Archivio di Stato di Lucca, Archivio Sardini =AS, n. 98, cc. 46, 158). Egli si era attivato particolarmente dopo la morte del fratello, avvenuta nel 1761, poiché più tardi Giacomo, nel descrivere un momento denso di preoccupazioni finanziarie, annoterà: "erami impegnato in una casa di campagna, che mio zio e tutore mi aveva costretto ad intraprendere per la quantità di fabbriche accessorie, che aveva egli preparato" (AS, n. 128 Memorie ... M. Teresa Sardini, c. 5). In un altro scritto, composto una volta ultimata la villa secondo il progetto definitivo, Sardini ribadiva il coinvolgimento dello zio in una precedente ristrutturazione: "L'ala verso mezzogiorno fu costruita sopra un vecchio fondamento, che mio zio aveva fatto fabbricare con un'altra idea e non ha dato alcun movimento..." (AS, N. 129 Memorie della famiglia Sardini, pp. 58-61). Alle ambizioni che Lodovico Sardini poteva aver espresso tra il 1761 e il 1769, anno della conclusione dell'iter formativo romano di Giacomo, è plausibile accostare un gruppo di disegni della Collezione Sardini Martinelli attribuiti a Giovan Francesco Giusti (inv. 7,13; 7,16; 7,17; 7,18; 7,18bis; 7,19; 7,20): i progetti, eseguiti entro la fine degli anni Sessanta, andrebbero datati a partire dal 1757, anno della prima lettera che testimonia l'affidamento della ristrutturazione a Lodovico (Bertoncini Sabatini 2019). Sabatini (1993) li aveva precedentemente letti come primo progetto della villa risalente alla committenza di Giacomo, attribuendoli alla mano dello stesso. Tuttavia il confronto con altri disegni sicuramente eseguiti da Sardini ha portato ad escludere la sua paternità per questo gruppo che, pur presentando qualche incertezza nel ductus, palesa una padronanza del mezzo grafico più convincente di quella dimostrata dal nobile dilettante di architettura. L'analisi congiunta di tali elaborati con gli altri incentrati sulla fabbrica di Pieve Santo Stefano e presenti nella Collezione rivela come essi abbiano costituito, prima di por mano alla sostanziale riedificazione della villa, la base fornita dal marchese a disegnatori di sua fiducia per immaginare un casino di caccia su due livelli con stanze per gli ospiti (ibidem inv. 9,76; 9,26; 9,31 e prima 7,14; 7,15 e ms 9,108ter). Nel progetto in esame, che si ritiene risalente alla committenza di Lodovico, le modeste strutture murarie esistenti venivano inglobate in un edificio più ampio di pianta quadrangolare con ali aggettanti sulla facciata lunga che ripartivano il prospetto in tre porzioni (vedi planimetrie inv. 7,13; 7,17). La parte centrale del prospetto principale, come si osserva nel presente foglio, era nobilitata da uno scalone a doppie rampe contrapposte, quella della facciata posteriore era scandita da un porticato coronato da una lunga terrazza (vedi inv. 7,19). L'accesso delle carrozze, a guisa di corridoio, attraversava l'edificio nell'asse mediano al piano terreno. La struttura consisteva di due piani e di un mezzanino sotto le coperture.
Se lo scalone riprende una tipologia consolidata nell'architettura lucchese (basti pensare al palazzo Cittadella e all'Offizio della Foce a Viareggio, a pochi passi da una delle dimore dei Sardini), l'accento di estroflessione conferitogli e la mirata distribuzione dei balaustrini sembrano prefigurare l'invenzione di Ottaviano Diodati per il balcone del piano nobile di palazzo Tucci a Lucca (sulla stessa via di palazzo Sardini). Inoltre alcuni dettagli decorativi come l'orologio tra volute e le fontane con mascheroni, sono accostabili con soluzioni prospettate da Giovan Francesco Giusti. La tipologia delle aperture del piano nobile, che tornerà poi nel palazzo Sardini di città, rivela una riflessione sulle invenzioni di Domenico Martinelli per le finestre del castello di Austerlitz, forse maturata attraverso lo studio dei disegni presenti a Lucca.

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 23 n. 20 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]P. Sabatini, La villa "ritrovata" di Giacomo Sardini a Pieve Santo Stefano di Lucca, "Quasar. Quaderni di storia dell'architettura e restauro", 10, luglio-dicembre, 1993, pp. 60, 62, fig. 9 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]P. Bertoncini Sabatini, P. Betti, Giacomo Sardini 1750-1811, Lucca 2019, p. 76 nota 17, p. 76 fig. 45 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro