Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 6,71
OggettodisegnoAutorescuola di Montano, Giovanni Battista [Info autore]Titolo[Veduta prospettica di tempietto o tabernacolo (?)]Datazione1583 post - 1621 ante (bibliografia)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostro, acquerelloMisuremm 224 x 215
Notizie storico-criticheNell'"Indice de due Tomi d'Intagli Tempietti ed altro", relativo ai tomi V e VI e compilato dal collezionista Giacomo Sardini, il disegno viene iscritto nel paragrafo "Tempietti" con la definizione "146 forse di antica pittura".
Il tempietto raffigurato con una vista prospettica distorta sul foglio in esame, non è identificabile. Potrebbe anche trattarsi di un tabernacolo che si eleva su un podio a due gradoni e che presenta un basamento continuo su cui sono impostati l'avancorpo centrale e le coppie di colonne laterali. L'avancorpo centrale è costituito da un portale sagomato tra due coppie di colonne corinzie intervallate da due nicchie sovrapposte, di cui quella inferiore rettangolare e la superiore semicircolare e arcuata. Tutte le colonne sostengono una trabeazione con cornice aggettante, che prosegue anche sopra le colonne laterali. Quelle centrali a fianco del portale, portano anche un frontone triangolare che sopravanza l'elemento arcuato di raccordo tra le coppie di colonne esterne e sopra (o dietro) il quale è impostato il secondo livello della costruzione. Si tratta di un alto tamburo scandito da coppie di colonnine su unica base circolare, tra cui sono poste alternativamente finestre rettangolari con frontone triangolare superiore e nicchie semicircolari. La trabeazione sostenuta da queste colonnine è articolata da sporgenze rettilinee e rientranze semicircolari e supporta un secondo breve tamburo segmentato a riquadrature su cui si erge una cupoletta ribassata a spicchi, costolonata e ricoperta da scaglie, completata da un lanternino cupolato con croce terminale.
Il disegno non è attribuito a Montano, ma nel Codice di Parigi (MS Hb, 22 - 4, f. 93v consultato nel microfilm F 9403), è presente un disegno simile, rifinito più accuratamente e completo di decorazioni, ossia la figura di Cristo con la croce su stelo all'interno della campitura centrale, due urne fumanti sui frontoni laterali e due statue di angeli che reggono un candeliere sugli spigoli secondo gradone del podio. Anche il tamburo superiore è diversamente decorato con drappi al posto delle riquadrature, la cupola emisferica e costolonata è liscia e in cima al lanternino è una croce di Malta. Il presente disegno potrebbe rappresentare un'esercitazione di un allievo di Montano.

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 19 n. 71 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro