Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 6,50a
OggettodisegnoAutorebottega di Montano, Giovanni Battista [Info autore]Titolo[Prospetto di stipo]Datazione1583 post - 1621 ante (bibliografia)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostro, acquerellaturaMisuremm 236 x 127
Notizie storico-criticheNell'"Indice de due Tomi d'Intagli Tempietti ed altro", relativo ai tomi V e VI e compilato dal collezionista Giacomo Sardini, il disegno insieme ad altri fogli già incollati sul lato opposto del medesimo supporto di legatura, viene iscritto nel paragrafo "Banchi" con la definizione "136 in tre maniere".
Il foglio in esame presenta il progetto di un arredo ecclesiastico, con due diverse soluzioni decorative ai lati.
La base presenta cornici modanate ed è avanzata nella parte centrale. Lo sportello, dotato di cerniere e di toppa per la chiave, è decorato da una doppia cornice incassata, di cui quella più interna sagomata e sostenuta da una piccola mensola. Nella campitura centrale una cartella ornata con cartiglio a sinistra, ala abbassata a destra e pendente alla base. Ai lati dello sportello si propongono a sinistra una cariatide in forma di angelo con ali abbassate e voluta alla base, a destra una colonna su base sagomata con capitello ionico. Questi elementi portano l'appoggio, concepito come una sorta di trabeazione con riquadratura centrale incassata e decorata da una testina di leone tra volute, per la decorazione superiore, che si presenta come un piccolo altare.
Sopra una sorta di basamento articolato da appoggi è impostata una edicola con l'immagine della Madonna con Bambino inquadrata in una cornice sagomata, affiancata da due colonne che sostengono tramite piedritti un frontone a volute contrapposte, al centro del quale è un piedistallo sormontato da un frontone curvilineo. Quest'ultimo è decorato alla base da una testina di cherubino e superiormente da una croce trilobata su urna. Sul lato sinistro l'edicola è affiancata dalla figura di un angelo, mentre a destra è sostenuta da una voluta vegetale su cui poggia un putto alato.
La soluzione architettonica e decorativa sembra essere invenzione di Montano; non si ha invece certezza sull'esecutore del disegno, che potrebbe anche essere un lavorante della sua bottega.
Il disegno è attribuito a Montano da V. Pracchi su segnalazione di A. Bedon (Pracchi, 1991 p. 19) , ma non indicato da L. Fairbairn (Italian Renaissance Drawings from the collection of Sir John Soane's Museum, 1998).
Un disegno analogo è presente nel Codice di Parigi (MS Hb, 22 - 4, f. 43 consultato nel microfilm F 9398), ma anche questo non è indicato da L. Fairbairn. Quest'ultimo risulta più rifinito nei dettagli decorativi e presenta due angioletti sulle volute del frontone superiore.

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 19 n. 50 1 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]L. Fairbairn, Italian Renaissance Drawings from the collection of Sir John Soane's Museum, London 1998, v. II-2 Append. 8 p. 770 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro