Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 6,30
OggettodisegnoAutorebottega di Montano, Giovanni Battista [Info autore]Titolo[Prospetto di monumento funebre a parete]Datazione1583 post - 1621 ante (bibliografia)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostro, acquerellaturaMisuremm 251 x 192
Notizie storico-criticheNell'"Indice de due Tomi d'Intagli Tempietti ed altro", relativo ai tomi V e VI e compilato dal collezionista Giacomo Sardini, il disegno viene iscritto nel paragrafo "Mausolei sepolcrali" con la definizione "125 a colonne in 2 maniere".
Il foglio in esame presenta il disegno di un monumento funebre a parete con busto in due versioni, già attribuito a Giovanni Battista Montano da V. Pracchi su segnalazione di A. Bedon (Pracchi, 1991 p. 18) e da L. Fairbairn (Fairbairn, 1998 vol. II, Appendix 8, p. 771).
Il monumento è caratterizzato da un alto basamento articolato, sulla cui parte centrale leggermente avanzata e decorata da un teschio con pendente tra due drappi, si eleva il sepolcro dalla base arrotondata sostenuta da un piedistallo modanato. Il coperchio del sepolcro è costituito da un frontone triangolare interrotto dal sostegno di un busto femminile, probabilmente rappresentante il personaggio cui è dedicato il monumento. Mentre il sepolcro è inquadrato dalle due alte basi delle colonne superiori, affiancate da due angioletti appoggiati a una fiaccola rovesciata, il busto si staglia tra gli elementi discendenti della cornice sagomata che occupa la campitura retrostante tra le colonne e che contiene una seconda cornice rettangolare, probabilmente pensata per un'iscrizione, sovrastata da una ghirlanda. Le colonne sorreggono tramite la trabeazione un frontone interrotto a volute, su cui poggiano due urne fumanti. L'elemento conclusivo, inserito tra le volute, è composto da una riquadratura sagomata sul cui fondo si staglia un putto alato, sormontata da un frontone curvilineo che sostiene una croce trilobata su urna.
Il progetto presenta sul lato sinistro una possibile variante compositiva, proponendo un'ulteriore colonna laterale libera, che sostiene un tratto di trabeazione con cornicione sporgente raccordato al frontone a volute centrale, formando un motivo a L, la cui base arretrata si trova nascosta dall'angioletto con fiaccola rovesciata.
In età tardo antica nei monumenti funerari erano spesso raffigurati amorini o eroti, rappresentati come putti o piccoli geni alati che reggevano una fiaccola rovesciata che si spegne (allegoria della morte); altre volte sostenevano tabelle o clipei (scudi) nei quali era inserito il nome del defunto o una corona o ghirlanda (simbolo di speranza e di vittoria della vita sulla morte).
In età medievale le figure degli amorini o eroti, furono reinterpretate in chiave cristiana e furono assimilate agli angeli. L'iconografia degli eroti reggitabella o con la fiaccola rovesciata divenne simbolo di vittoria spirituale e di glorificazione della fede cristiana.
Il disegno fa parte di una serie di tipologie di monumenti funebri, variate nella composizione degli elementi formali architettonici e decorativi, ideate da Montano e presenti all'interno della Collezione in esame. Anche se non si tratta di disegni riferibili alla produzione di un manufatto specifico, si ritiene di considerarli progetti, in quanto invenzioni compositive. Alcuni di questi disegni, come quello in esame, sono contornati da una doppia marginatura, di cui quella interna, a doppia linea, è tagliata in alto dall'elemento decorativo terminale (in questo caso l'urna con croce trilobata) e in basso dalla zoccolatura del basamento, che sembra poggiare sulla linea inferiore della marginatura esterna (Milano, Collezione Sardini Martinelli invv. 6,36; 6,49; 6,60; 6,69; 6,79; 6,80; 6,88; 6,93). Anche alcuni disegni di cornici (Ibidem, invv. 6,76 e 6,87 a) presentano la stessa doppia marginatura. In altri casi invece è presente solo la marginatura esterna.
Il foglio presenta tracce a grafite di impostazione del disegno poi ripassato a penna, alcune delle quali, eseguite a tiralinee, sbordanti e tracce di altra soluzione compositiva sottostante forse abbandonata.
La soluzione architettonica e decorativa è sicuramente riferibile al repertorio di Montano; non si ha invece certezza sull'esecutore del disegno. La definizione accurata e il tratto formale che lo caratterizzano, si scostano infatti dalla spontaneità e freschezza di altri disegni di Montano. La diversità di stile potrebbe imputarsi allo scopo del disegno stesso (la vendita o la formazione di un album di repertori da pubblicare), o in quanto affidato per la stesura definitiva a un lavorante della sua bottega.
Un disegno analogo a quello in esame, ma privo di marginature, si trova nel cosiddetto Codice di Parigi, un album lasciato in eredità da Henri de Cambout, Duca di Coislin al Monastero di Saint Germain des Prés nel 1732 (MS Hb, 22 - 4, f. 86v consultato nel microfilm F9389), oggi conservato presso la Bibliothèque National de France a Parigi e segnalato da Lynda Fairbairn (Italian Renaissance Drawings from the Collection of Sir John Soane's Museum, London, 1998 pp. 770-771). Quest'ultimo propone differenze minime, quali la testina di un cherubino, al posto del teschio, tra i drappi e capitelli ionici sulle colonne anziché compositi.

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 18 n. 30 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]L. Fairbairn, Italian Renaissance Drawings from the collection of Sir John Soane's Museum, London 1998, v. II-2 Append. 8 p. 771 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro