Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 6,134a
OggettodisegnoAmbito culturaleambito italianoTitolo[Cespo con fiori]Datazionesec. XVII seconda metà (analisi stilistica)Materia e tecnicacarta, matita rossaMisuremm 122 x 177
Notizie storico-criticheNell'"Indice de due Tomi d'Intagli Tempietti ed altro", relativo ai tomi V e VI e compilato dal collezionista Giacomo Sardini, il disegno viene iscritto, insieme ad altri fogli contigui, nel paragrafo "Ornati" con la definizione "182 59 62 28 Fregio".
Si tratta di una rappresentazione di fiori (forse una peonia e un papavero?) molto accurata nei dettagli, eseguita a matita rossa con ombreggiature a tratteggio.
Potrebbe trattarsi di un semplice esercizio di copia dal vero, ma anche un disegno finalizzato allo studio o a una pubblicazione di botanica.
L'istituzione degli studi botanici si instaura intorno al XVI secolo e nel corso del XVII secolo la botanica inizia a distinguersi come scienza autonoma. Le rappresentazioni a partire dal XVII secolo sono spesso affidate dai botanici a pittori e disegnatori professionisti e si contraddistinguono per notevole precisione e realismo.
Uno dei precursori di questa attitudine in Roma fu Federico Cesi (1585-1630), fondatore dell'Accademia dei Lincei e botanico per vocazione, che portò avanti una ricerca naturalistica con altri membri dell'Accademia, volta a compilare il primo trattato di Botanica generale da cui emergessero tutti i fondamenti della morfologia, fisiologia e nomenclatura delle piante.
Le sue "Tabulae Phytosophicae", concepite a partire dal 1617 come introduzione alla sezione botanica di una grande opera enciclopedica dal titolo "Theatrum totius Naturae" e dedicate a Francesco Barberini, dovevano essere venti, ma riuscì a preparare per la stampa solo le prime dodici, pubblicate in appendice alle prime edizioni del "Rerum medicarum novae Hispaniae thesaurus", meglio noto come "Tesoro Messicano" (1628, 1630); le rimanenti tavole furono pubblicate a cura di Francesco Stelluti nelle successive edizioni (1648, 1649 e 1651).
Un altro studio inedito che raccoglie gli esiti delle indagini e delle osservazioni botaniche condotte da Federico Cesi, fu anche la Syntaxis Plantaria, illustrata da pittori e disegnatori al suo servizio.
Il foglio su cui è stato tracciato il disegno in esame presenta una filigrana che indica un tipo di carta italiana del 1672 ca.; la datazione quindi induce a un confronto con le riproduzioni dei disegni di Jacques Bailly (1629-1679) intagliati da Harnold Van Westerhout (1651-1725) per la riproposizione ad acquaforte di Giovanni Giacomo de Rossi del 1681, come già indicato per un altro disegno di analogo soggetto eseguito a grafite e matita nera, contenuto nell'VIII tomo della presente Collezione (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 8,49 bis).
Un disegno eseguito con la stessa tecnica del presente si trova nella stessa Collezione (ibidem, inv. 6,134 b).

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 23 n. 134 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]A. Dallaj, E. Allodi, Il restauro e la conservazione dei tomi della Collezione di Giacomo Sardini noti come "Raccolta Martinelli", "Libri & Documenti", XXXI, 1/3, 2005, pp. 67, 69, fig. 69 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro