Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 6,111
OggettodisegnoAutorePernet, Claude (?) [Info autore]Titolo[Decorazione di lampadario e particolari di lampade]Datazionesec. XVII prima metà (bibliografia)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostro, pennello e inchiostro, acquerellaturaMisuremm 306 x 202
Notizie storico-criticheNell'"Indice de due Tomi d'Intagli Tempietti ed altro", relativo ai tomi V e VI e compilato dal collezionista Giacomo Sardini, il disegno viene iscritto nel paragrafo "Lampadari" con la definizione "169 a tre lampade".
Il foglio viene attribuito a Giovanni Battista Montano da Lynda Fairbairn (1998) che lo mette in relazione con un altro conservato al Sir John Soane's Museum di Londra (cat. 1018), mentre Anna Bedon (Pracchi 1991, 2a parte, p. 23) non lo ritiene montaniano. Il disegno mostra un lampadario sospeso per mezzo di una struttura che richiama un fastigio, composta da una base con volute che si raccordano a un elemento definito da lesene scanalate reggenti un timpano curvilineo, spezzato alla base per ospitare la figura di un putto. Quest'ultimo è appoggiato su un piedistallo a forma di testa alata di cherubino, al quale è appesa una delle tre lampade a olio. Le altre due sono sostenute da figure femminile ricoperte da ghirlande di fiori e frutta. Sono inoltre presenti due dettagli decorativi raffiguranti due grappoli di frutta con nastri e panneggi, uniti da una testa alata di cherubino. Nella raccolta Sardini Martinelli, sono presenti altri disegni per lampadari: invv. 5,64; 5,68; 6,125; in particolare quest'ultimo, che illustra cinque soluzioni diverse ed è autografo di Claude Pernet (Claudio Pernetti o Pernetto), è quello che maggiormente si avvicina al disegno oggetto della presente scheda, seppure tracciato con segno più veloce e meno definito nei dettagli. Claude Pernet (altre volte Claudio Pernetti o Pernetto), un intagliatore (definito anche scalpellino) attivo per Filippo Colonna nei primi anni Venti del Seicento, per il quale realizzò, tra il 1624 e il 1636, il tabernacolo in noce e i reliquiari per il coro della cappella Colonna in S. Giovanni in Laterano (Marcucci 2008, pp. 40, 50-51 nota 66).

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 20 n. 111 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]L. Fairbairn, Italian Renaissance Drawings from the collection of Sir John Soane's Museum, London 1998, p. 620 n. 1018, p. 771, fig. 1018 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]E. Lauro, Intagliatori francesi a Roma nel Seicento. Storia e documenti, Roma 2016, pp. 146-148 n. 7, 262 n. XII, tav. XII Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro