Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 5,60
OggettodisegnoAutoreMartinelli, Agostino [Info autore]Titolo[Profilo di cupola]Datazione1676 post - 1686 ca. (contesto)Materia e tecnicacarta, penna e inchiostro, matita rossaMisuremm 406 x 268
Notizie storico-criticheNell'"Indice de due Tomi d'Intagli Tempietti ed altro", relativo ai tomi V e VI e compilato dal collezionista Giacomo Sardini, il disegno viene iscritto nel paragrafo "Chiese e loro parti" con la definizione "56 cupola".
Il foglio in esame rappresenta il profilo in scala e quotato di una cupola, che dalle annotazioni riportate dall'autore a lato del disegno entro riquadrature, sembra essere a costoloni. L'autore del disegno è Agostino Martinelli, nato a Ferrara ma trasferitosi a Roma dove fu lettore di legge alla Sapienza. Matematico e membro della Congregazione dei Virtuosi al Pantheon, nel 1671 fu nominato "perito deputato della Reverenda Camera Apostolica sopra le acque relative al Tevere presso la Magliana" e si occupò dei problemi provocati dalle piene del fiume. L'attribuzione di questo disegno è confermata anche dal confronto grafologico con altri scritti di suo pugno, tra cui una lettera da Magliano Sabina, datata 20 dicembre 1671 e conservata a Ferrara (Ferrara, Biblioteca Comunale Ariostea, Raccolta Cittadella, Autografi n. 1819). Non vi sono indicazioni sulla chiesa di cui fa parte la cupola rappresentata, che però dovrebbe appartenere all'ambito romano, come indica la scala in palmi romani. Si sa che Agostino Martinelli si occupò prima del 1680 di un progetto per la chiesa di S. Barbara de Librai a Roma, ma dal confronto con le incisioni esistenti della chiesa non si evince una relazione con questo disegno (Cfr. Disegni di cappelle, et altre fabriche da construirsi nella chiesa di S. Barbara de' signori Librari di Roma, Tinassi, Roma 1679, esemplare della Biblioteca Casanatense di Roma Vol. Misc. 192.20).

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (seconda parte), "Il Disegno di Architettura", n. 4, 1991, p. 14 n. 60 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]A. Dallaj, Origine e conservazione della collezione Sardini-Martinelli al Castello Sforzesco, in Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di A. Scotti Tosini, Cinisello Balsamo 2006, pp. 50-54, fig. 4 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro