Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 4,47bis
OggettodisegnoAutoriMartinelli, Domenico [Info autore]SoggettoPianta della chiesa di S. Martino a BánovDatazione1691 - 1699 ca. (documentazione, bibliografia)Materia e tecnicacarta, grafite, inchiostro a penna, acquerelloMisuremm 250 x 412CommittenteKaunitz, Dominik Andreas conte
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale era rilegato, il disegno viene definito: "Altra come sopra [leggi: pianta di chiesa] con variazioni di Domenico Martinelli". Prima della rilegatura nel tomo IV da parte di Giacomo Sardini, il foglio era inglobato nel tomo II e indicato al n. 45 della "Spiegazione de Numeri". Il progetto per la chiesa parrocchiale di S. Martino venne commissionato dal Dominik Andreas Kaunitz e già dal 1690 sono documentati lavori di costruzione. Nel 1692 Antonio Riva viene pagato per lavori alle chiese di Banov (Riva era entrato in contatto con Kaunitz grazie a Enrico Zuccalli), lavori che si stavano eseguendo secondo i progetti di Martinelli. Il cantiere si protrasse per alcuni anni: nel maggio 1695 il responsabile della costruzione lancia una "frecciata" a Martinelli (all'epoca impegnato in Olanda) scrivendo: "Le chiese di Banov e Lettoniz si fabrican, e spero che quest'anno tutte due saranno coperte". Nel 1697 si concludono i lavori del marmista e del vetraio, nel 1699 si collocano le ardesie, nell'agosto 1699 vennero completati i lavori di costruzione con la copertura in rame della torre. Secondo Lorenz (1991, p. 167) la pianta di Martinelli mostra come egli subentrò solo nell'ambito del coro della struttura ideata dal suo predecessore, e come combinò questa con una navata allargata.
Le proporzioni della navata (larghezza 28 piedi, altezza 42 piedi) vennero stabilite da Martinelli con avvedutezza "perché non le faccio di due quadrati, ma quasi di figura sesquilatera" (così annotò nella legenda del disegno in Lorenz 1991, MZ 216 fig. 143). Il disegno presenta inoltre due varianti riferite all'articolazione interna dei pilastri e all'ubicazione dei confessionali.

BibliografiaV. Richter, Nácrt Cinnosti Domenica Martinelliho na Morave, "Sborník prací filozofické fakulty brnenské univerzity", F 7, 1963, pp. 49-88, fig. 101A. Kudelka, Drobnosti k barokni architecture Moravy, "Sborník prací filozofické fakulty brnenské univerzity", F 26/27, 1982-1983, p. 89H. Lorenz, Domenico Martinelli und die österreichische Barockarchitektur, Wien 1991, pp. 167-169, 328 n. MZ 418, fig. 142 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]V. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (prima parte), "Il disegno di architettura. Notizie su studi, ricerche, archivi e collezioni pubbliche e private", n.3, 1991, p. 20 n. 50A. Dallaj, E. Allodi, Il restauro e la conservazione dei tomi della Collezione di Giacomo Sardini noti come "Raccolta Martinelli", "Libri & Documenti", XXXI, 1/3, 2005, p. 43A. Dallaj, Origine e conservazione della collezione Sardini-Martinelli al Castello Sforzesco, in Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di Scotti Tosini A., Cinisello Balsamo 2006, p. 55 n. 33
AcquisizioneLibreria antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro