Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 4,27-28
OggettodisegnoAutoriMartinelli, Domenico [Info autore]copia da Mascarino, OttavianoSoggettoPianta della chiesa di S. Pietro a FrascatiDatazione1678 - 1690 (bibliografia)Materia e tecnicacarta, inchiostro a penna, acquerelloMisuremm 551 x 408
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale era rilegato, il disegno viene definito: "Altra pianta di Chiesa. Idea di Domenico Martinelli con sue note". Si tratta della copia di un disegno attualmente conservato nel fondo Mascherino dell'Accademia di S. Luca a Roma. La scheda di catalogo dell'Accademia (n. 2543) lo assegna a Ottaviano Mascherino, lo identifica con la Cattedrale di S. Pietro a Frascati e lo data al 1598. Il foglio fa parte di una serie di copie da disegni di Ottaviano Mascherino e di altri architetti quali Giovanni Antonio e Mattia De Rossi, redatta da Martinelli durante il suo soggiorno romano (1678-1690).
Sul foglio è rappresentata una chiesa a pianta centrale, ma l'inserimento del coro semicircolare trasforma lo schema in longitudinale. La facciata ha cinque ingressi: due laterali che immettono negli ambienti riservati alle "compagnie"; tre nella campata centrale, separati da due colonne addossate per 3/4 al pilastro. L'originale del Mascherino riporta all'interno del disegno alcune scritte esplicative, che Martinelli trasforma in lettere che rimandano alla legenda sul verso del foglio.

BibliografiaJ. Wasserman, Ottaviano Mascherino and his drawings in the Accademia Nazionale di San Luca, Roma 1966, p. 175, fig. 168P. Marconi, A. Cipriani, E. Valeriani, I disegni di architettura dell'Archivio storico dell'Accademia di San Luca, Roma 1974, fig. 2543 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]H. Lorenz, Domenico Martinelli und die österreichische Barockarchitektur, Wien 1991, p. 326 n. MZ 399 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]V. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (prima parte), "Il disegno di architettura. Notizie su studi, ricerche, archivi e collezioni pubbliche e private", n.3, 1991, p. 19 n. 24Del Pesco D., L'architettura del Seicento, Torino 1998, p. 15A. Dallaj, Origine e conservazione della collezione Sardini-Martinelli al Castello Sforzesco, in Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di Scotti Tosini A., Cinisello Balsamo 2006, p. 55 nn. 41, 45
AcquisizioneLibreria antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro