Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 3,47c
OggettodisegnoAutoreSardini, Giacomo [Info autore]SoggettoTorri di ingresso di un borgo fortificatoDatazionesec. XVIII fine (analisi storica)Materia e tecnicacarta, inchiostro a pennaMisuremm 62 x 48
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale il marchese Giacomo Sardini lo aveva rilegato, il disegno viene definito: "Sieguono alcune elucidazioni ricavate dalla Storia Originale di Gio Sercambj nell'Archivio Segreto ... Fortezza chiamata dell'Acqua ".
La grafia delle iscrizioni su questo gruppo di disegni, di cui fa parte quello in esame, è riconducibile alla mano di Sardini, che pertanto si può ritenere l'esecutore dei lucidi. Il supporto, reso trasparente per impregnazione con resina, venne adattato all'esigenza del ricalco su esigue superfici suddividendolo in quattordici piccoli rettangoli. A copiatura ultimata, questi furono incollati in bell'ordine su due carte inserite nella legatura del tomo. L'occasione di procurarsi riproduzioni dal codice tardo trecentesco con le Croniche di Sercambi si dischiuse a Sardini quando ottenne un permesso speciale per accedere alla Tarpea (l'Archivio segreto della Repubblica, oggi in Archivio di Stato), che custodiva quei preziosi manoscritti. Intento a raccogliere appunti dai documenti antichi per arricchire i suoi contributi dedicati alla storia artistica locale, il marchese non esitò a copiare alcune illustrazioni del manoscritto, oggetto di studio anche da parte di altri suoi contemporanei. Catturarono la sua attenzione soprattutto i centri fortificati dei dintorni di Lucca fino a Pisa, ma anche particolari di costume. Il copista preferì soffermarsi solo su dettagli dei riquadri figurati e, nei vari lucidi, si possono trovare brani tratti da una sola (come nel caso in esame riconducibile al capitolo DLV del manoscritto) o da più vignette.

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (prima parte), "Il disegno di architettura. Notizie su studi, ricerche, archivi e collezioni pubbliche e private", n.3, 1991, p. 18 n. 59A. Dallaj, E. Allodi, Il restauro e la conservazione dei tomi della Collezione di Giacomo Sardini noti come "Raccolta Martinelli", "Libri & Documenti", XXXI, 1/3, 2005, pp. 36, 66, 67, figg. 2, 40A. Dallaj, Origine e conservazione della collezione Sardini-Martinelli al Castello Sforzesco, in Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di Scotti Tosini A., Cinisello Balsamo 2006, p. 49
AcquisizioneLibreria antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro