Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 3,2bis
OggettodisegnoAutoreMartinelli, Domenico [Info autore]Titolo[Prospetti di una chiusa]Datazione1694 post - 1699 ante (bibliografia)Materia e tecnicacarta, penna e inchiostro, acquerello, grafiteMisuremm 260 x 380
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale era rilegato il disegno viene definito: "(...) elevazione (...) / d'una cataratta".
Si tratta di un disegno relativo a una chiusa (o cataratta), attribuito da Hellmut Lorenz a Domenico Martinelli e rappresenta la vista delle due fronti alle estremità del manufatto.
Il disegno è collegato ad altri tre relativi allo stesso soggetto presenti nella Collezione Sardini Martinelli: la rappresentazione in pianta della struttura di base (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 3,3), la sezione longitudinale (ibidem inv. 3,5) e la pianta che illustra il funzionamento del meccanismo (ibidem inv. 3,5 bis).
Secondo le indicazioni fornite dalla scala grafica inserita in uno dei disegni citati (inv. 3,3), dovrebbe appartenere alla serie di studi di macchine eseguiti da Martinelli in occasione della sua permanenza in territorio renano (Germania e Olanda) tra il 1694 e il 1698.
Si potrebbe trattare quindi della riproduzione di un manufatto da lui visto in uno di questi paesi, da conservare come esempio o da riproporre come modello a qualche committente. Non è possibile risalire a una collocazione più precisa sul territorio.
Nel disegno si individua la sezione della struttura di base che costituisce il fondamento del manufatto, composta da travetti in legno intrecciati a sostegno delle parti in muratura ed ancorata al terreno attraverso un fitto sistema di palificazioni. La parte in elevazione ai lati in muratura è collegata da due arcate in corrispondenza dei portelloni. Il funzionamento del sistema è rilevabile confrontando il disegno con le rappresentazioni in pianta e in sezione: i portelloni, chiusi con un'angolatura che attenua la spinta della corrente, si aprono per il passaggio delle barche, mentre ai lati all'interno della muratura delle bocche di deflusso consentono il regolamento del livello dell'acqua.

BibliografiaH. Lorenz, Domenico Martinelli und die österreichische Barockarchitektur, Wien 1991, p. 324 n. MZ 372 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]V. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (prima parte), "Il Disegno di Architettura", n. 3, 1991, p. 14 n. 3 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro