Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 3,19a
OggettoridisegnoAutoreCanani, Giulio [Info autore]SoggettoForte di PontelagoscuroDatazione1645 ante (analisi storica)Materia e tecnicacarta, inchiostro a penna, grafiteMisuremm 172 x 252
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale il marchese Giacomo Sardini lo aveva rilegato, il disegno viene definito: "Fortezza di Lago Scuro". La provenienza ferrarese dell'autore, l'abate e storiografo Giulio Canani che firma il foglio, ha aiutato ad identificare il sito nella località oggi denominata Pontelagoscuro. Il borgo era situato sulla sponda destra del Po, in una zona strategica per la navigazione del fiume, soprattutto per i transiti tra i territori soggetti al papa e quelli soggetti a Venezia. Come riportano le cronache (Le cronache di Pontelagoscuro di Antonio Dolcetti, 1796-1802, a c. di R. Balzani, Bologna 1993, pp. 15-16), durante la guerra del 1641 i ferraresi costruirono "due forti, uno qui al Ponte, l'altro alla parte opposta del fiume". Durante il conflitto le costruzioni furono seriamente danneggiate e poi completamente demolite nel 1645 in ossequio alle convenzioni della pace firmata in quell'anno. Sul foglio è raffigurata una fortificazione dal profilo non regolare che anteriormente presenta quattro bastioni intervallati da tre difese, mentre sul lato opposto si snoda una cortina articolata. Si tratta di una veduta a volo d'uccello, secondo un metodo usuale nelle pubblicazioni sull'architettura militare dell'epoca; forse il disegnatore volle fissare il ricordo delle fortificazioni prima della loro definitiva sparizione. Il legame con la storia del territorio ferrarese induce ad ipotizzare che il foglio sia giunto nelle carte di Domenico Martinelli insieme agli altri disegni raccolti dal ferrarese Agostino Martinelli presenti nella Collezione in esame (Dallaj, 2006).
BibliografiaA. Dallaj, Origine e conservazione della collezione Sardini-Martinelli al Castello Sforzesco, in Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di Scotti Tosini A., Cinisello Balsamo 2006, pp. 50, 55
AcquisizioneLibreria antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro