Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 2,40
OggettodisegnoAutoriMartinelli, Domenico [Info autore]SoggettoPianta del complesso architettonico di AusterlitzDatazione1698 post - 1702 ante (bibliografia)Materia e tecnicacarta, inchiostro a penna, grafite, acquerelloMisuremm 1065 x 2280CommittenteKaunitz, Dominik Andreas conte
Notizie storico-criticheNella "Spiegazione de numeri" del tomo nel quale era rilegato il disegno viene definito: "Pianta generale di Austerliz, con tutte le Fabbriche di sua adiacenza, / e Giardini annessi".
La planimetria rappresenta il cosiddetto "piano regolatore per Austerlitz" studiato da Martinelli per il conte Kaunitz in parte già durante il suo soggiorno a l'Aia e probabilmente completato intorno al 1698, al rientro ad Austerlitz. Si tratta di una più complessiva ristrutturazione, dovuta al fatto che il conte pensava di riconvertire la città in un centro manifatturiero legato all'industria tessile. Dalla manifattura Kaunitz si aspettava un forte incremento finanziario, anche per gli imponenti lavori che si proponeva per la sua dimora. Pertanto aveva commissionato a Martinelli un piano che legasse armonicamente in un unico disegno il castello, la città e la manifattura.
L'impianto complessivo rappresentato in pianta, individua un imponente portale di accesso alla tenuta da est, in corrispondenza dell'ormai consolidato asse est-ovest che attraversa il castello. Il portale è posto all'inizio di un viale alberato, delimitato sul lato sud dal muro di confine e affiancato a nord da un giardino con fontana centrale e una vasta campitura rettangolare ribassata (forse uno specchio d'acqua), divisi da un corpo edilizio trasversale. La lunga prospettiva del viale, che si apre in un'esedra e sfocia in un ampio piazzale, doveva svelare gradualmente al visitatore il fronte principale del castello. Di quest'ultimo è qui solo abbozzata sommariamente la sagoma, in quanto dettagliata in altri disegni già eseguiti, e così pure per il giardino con il casino nella parte già costruita a ovest del castello; compare invece in dettaglio il parterre elaborato del giardino aggiunto ad ovest, con grande vasca centrale finemente decorata.
La parte più innovativa riguarda la progettazione dell'asse nord-sud, già previsto all'interno del castello e riconfermato esternamente nella disposizione a nord delle scuderie, notevolmente ampliate e ridefinite in un vasto cortile delimitato da un'esedra semicircolare (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 9,39) e dalla connessione del complesso col tessuto cittadino, attraverso una nuova chiesa a pianta ellittica e con cupola, posta al termine mediano di un immenso cortile fronteggiante l'ala sud del castello.
La costruzione della nuova chiesa avrebbe comportato non solo l'abbattimento della parrocchiale gotica di St. Jakob, allora collegata al castello, ma anche la demolizione di gran parte del tessuto cittadino circostante, attestato sul disegno dalla delineazione a matita dei lotti interessati dall'intervento. L'idea di isolare definitivamente il castello dalla chiesa sembra già presente in Martinelli nelle prime stesure del progetto di ristrutturazione dello stesso (Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 2,4 e 2,6): infatti il passaggio coperto di collegamento diretto tra i due edifici era stato sostituito dal nuovo portale, a colonne isolate e balcone sovrastante, centrale alla facciata sud del castello.
Il rapporto tra il castello e la nuova chiesa è mantenuto, pur assumendo un valore diverso: con la vecchia parrocchiale il "signore" aveva una relazione di intima e privilegiata partecipazione, mentre con la nuova chiesa la fruizione appare più distaccata e tra i due edifici sorge un confronto di "monumentalità", in cui è ravvisabile l'influenza berniniana del complesso di Ariccia.
L'accesso principale alla chiesa è in linea con l'ingresso all'ampio cortile e col portale sud del castello. Il cortile, che ha forma rettangolare con due padiglioni pentagonali negli spigoli a sud, avanza verso la chiesa nel punto mediano di accesso con un fronte curvilineo convesso, mentre la chiesa lo "accoglie" con due tratti di muro concavi in cui è incastonata la breve facciata dalle imponenti colonne libere. La soluzione della pianta ovale con ingresso sull'asse più corto richiama l’impianto di Sant'Andrea al Quirinale di Bernini. Di fronte all’ingresso un coro semicircolare ospita l’altare; lo spazio interno si caratterizza per il deambulatorio e il succedersi ritmato di cappelle e pilastri.
La zona manifatturiera era probabilmente a nord-est, nelle immediate vicinanze del castello, collegata e delimitata da strade alberate rettilinee (Domenico Martinelli, 2006, cat. 45). Questo grandioso piano non fu realizzato, per l’insuccesso dell'impresa manifatturiera e soprattutto per la morte del conte Kaunitz nel 1705. I lavori incominciati di cui si ha notizia certa, furono: la realizzazione del giardino con casino a ovest del castello tra 1691-1693 e la ristrutturazione di alcune parti del castello.

BibliografiaH. Lorenz, Domenico Martinellis Projekt für Schloss Austerlitz (Slavkov u Brna) in Mähren, "Umení", XXIV, 1981, figg. 5, 6, 7H. Lorenz, Henrico Zuccalli und Domenico Martinelli in Austerlitz, in Intuition und Darstellung, München 1985, p. 199, fig. 5 (ridisegno), fig. 6 (dettaglio) Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]H. Lorenz, Domenico Martinelli in Mähren, "Sborník prací filozofické fakulty brnenské univerzity", F 30/31, 1986-1987, fig. 8 (dettaglio)H. Lorenz, Domenico Martinelli und die österreichische Barockarchitektur, Wien 1991, p. 80, 87, 150, 151, 164, 324 n. MZ 367, figg. 75, 76, 87, 111, 112, 137 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz: i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di A. Scotti Tosini, Cinisello Balsamo 2006, pp. 83-85 n. 11 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale] [Allegato]
AcquisizioneLibreria antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro