Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 2,31
OggettodisegnoAutoriMartinelli, Domenico [Info autore]SoggettoProspetto delle stalle a Neu-KaunitzDatazione1698 - 1703 (documentazione, bibliografia)Materia e tecnicacarta, grafite, inchiostro a penna, acquerelloMisuremm 157 x 363CommittenteKaunitz, Dominik Andreas conte
Notizie storico-criticheNella "Spiegazione de numeri" del tomo nel quale era rilegato il disegno viene definito: "Facciata delle Stalle per l'economia". A partire dal 1692, Dominik Andreas Kaunitz aveva incamerato vaste proprietà terriere nella piana di Neutra-Tal, a nord di Neu-Häusl (Nové Zàmky) (Ungheria) che, nel 1694, dopo aver ottenuto l'autorizzazione imperiale, chiamò "Neu-Kaunitz". Mentre ad Austerlitz doveva sorgere la grande industria manifatturiera, qui era stata pianificata un'enorme scuderia, un allevamento di cavalli, della cui progettazione, Kaunitz, incaricò Domenico Martinelli, che in qualità di suo architetto, doveva occuparsi di tutte le costruzioni sparse nei territori moravi e ungheresi. Il progetto di Neu-Kaunitz data probabilmente a dopo il 1700, anche se i documenti registrano la presenza di muratori e scavatori già nel 1698-99, mentre quella del Martinelli è documentabile a partire dal 1701. La costruzione delle scuderie, che non verranno realizzate secondo questo progetto, rallenta nel 1703 e si interrompe definitivamente nel 1704. Il disegno è relativo al prospetto delle stalle per "l'economia" (così definite perché, probabilmente, sfruttate anche per l’agricoltura), allineate lungo il lato principale del complesso di Neu-Kaunitz, e per tale motivo, riprende il medesimo schema compositivo delle stalle previste ai lati della residenza del conte. Due corpi leggermente sporgenti, caratterizzati da lesene angolari su basamento continuo che funge anche da davanzale alle tre finestre, bloccano ai lati il corpo centrale con il portale di ingresso dotato di semplice profilatura e chiave di volta. Al di sopra di un architrave continua che unisce tutto il prospetto, si aprono le feritoie del sottotetto. Il disegno è identico a quello conservato a Milano, Collezione Sardini Martinelli inv. 2,33 (Lorenz 1991, MZ 360).
BibliografiaH. Lorenz, Domenico Martinelli und die österreichische Barockarchitektur, Wien 1991, pp. 102-103, 197-199, 323 n. MZ 358 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]Domenico Martinelli architetto ad Austerlitz: i disegni per la residenza di Dominik Andreas Kaunitz (1691-1705), catalogo mostra, a cura di A. Scotti Tosini, Cinisello Balsamo 2006, pp. 29, 32 n. 28 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro