Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 1,45
OggettodisegnoAutoriGisleni, Giovanni Battista [Info autore]Titolo[Veduta prospettica dell'apparato funebre per Carlo Ferdinando Wasa]Datazione1655 (bibliografia)Materia e tecnicacarta, grafite, penna e inchiostroMisuremm 542 x 415CommittenteGiovanni Casimiro Wasa, re di Polonia
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale era rilegato il disegno viene definito: "Funerale".
Il disegno raffigura l'apparato funebre progettato da Giovanni Battista Gisleni per le esequie di Carlo Ferdinando Vasa vescovo di Plock e Wroclaw, fratello del re Giovanni Casimiro, celebrate il 5 luglio 1655 nella chiesa dei Gesuiti di Varsavia. Sebbene non firmato, il disegno in questione, messo a confronto con altri dello stesso artista ritrovati da Nina Miks Rudkowska (1968) nel Sir John Soane's Museum di Londra, ha potuto essere senza dubbio attribuito al Gisleni, attribuzione confermata anche dalla dettagliata descrizione latina del corteo "Descriptio teatri in exequiis Varsaviae solenniter celetratis erecti quum sepulturae daretur corpus ser.mi. d.ni d.mi Caroli Ferdinandi …", pubblicata dallo stesso Gisleni nel 1655.
Il theatrum raffigurato nel foglio, occupa tutta la superficie del coro, cioè lo spazio semiovale rinchiuso tra il presbiterio e i pilastri sporgenti della navata. Il corteo funebre dell'episcopo, assume un carattere teatrale barocco nel suo concetto generale, nonché sotto il punto di vista dei mezzi ed elementi adoperati: quelli architettonici (una teoria di colonne ioniche binate architravate, sormontate da statue e candelabri) destinati a "correggere" la mancanza di unità all'interno della chiesa, e quelli pittorici, aventi lo scopo di allargare lo spazio per mezzo di prospettive illusorie (Miks 1968, p. 434). Gisleni opera una divisione netta dello spazio disponibile in "piani": il primo al centro del quale si trovava l'altare è destinato alla celebrazione dei funerali secondo il rito cattolico. Il catafalco con la bara è posto fuori del theatrum, nella navata centrale della chiesa, circondato da figure femminili che personificano le virtù del defunto. Il secondo piano, allegorico, con un altare in forma di sarcofago romano, rappresenta, secondo un antico rito romano la liberazione dell'anima e la sua ascensione sotto forma di un'aquila nel cielo, raffigurato dal terzo piano, annesso per mezzo di un dipinto illusionista, ove figura una porta aperta ed una piramide. La piramide e gli obelischi simboleggiano l'eternità e la "gloria dei principi", mentre la cupola della chiesa rappresenta l'immensità del cielo (Miks 1968, p. 434).

BibliografiaN. Miks Rudkowska, Theatrum in exequiis Karola Ferdynanda Wazy. Z badan nad twórczoscia G. B. Gisleniego, "Biuletyn Historii Sztuki", 30, 1968, p. 420, fig. 1 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]W. Kret, Theatrum in exequiis Karola Ferdynanda Wazy na tle twórczósci Giovanniego Battisty Gisleniego, "Rocznik warszawski", 13, 1975, p. 49, fig. 2A. Milobedzki, Architektura polska XVII wieku, Warszawa 1980, v. I, fig. XXIV Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]V. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (prima parte), "Il disegno di architettura", n. 3, 1991, p. 8 n. 54 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]L. Pascoli, Di Giambattista Gisleni, in Vite de' pittori, scultori, ed architetti moderni, a cura di M. Bevilacqua, Perugia 1992 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]M. Bevilacqua, Gisleni Giovanni Battista, in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma 2001, pp. 621-624 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]M. Górska, Polonia Respublica Patria personifikacja polski w stuce XVI-XVIII wiecu, 2005, pp. 460-461 n. 11, fig. 39
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro