Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
SM 1,17
OggettodisegnoAmbito culturaleambito romanoTitolo[Pianta d'ordine toscano]Datazione1550 post - 1649 ante (contesto)Materia e tecnicacarta, penna e inchiostro, grafite, matita rossaMisuremm 270 x 416
Notizie storico-criticheNell'"Indice" del tomo nel quale era rilegato il disegno viene definito: "Pianta d'ordine toscano".
Il disegno è una rappresentazione in pianta, ma non è possibile stabilire se si tratti di una parte di edificio o di una semplice esemplificazione di elementi che compongono l'ordine tuscanico.
Si propende a credere che il disegno sia una composizione accademica anche per le iscrizioni riportate sul foglio, che focalizzano l'attenzione sul tipo di ordine architettonico rappresentato e ne indicano con lettere le diverse componenti. La composizione, proposta all'interno di una marginatura, è assimilabile a un atrio porticato costituito da tre moduli quadrati. Questi sono individuati da quattro pilastri compositi angolari, caratterizzati esternamente da lesene binate verso il lato corto del manufatto e semicolonne verso il lato lungo, inframmezzati da due coppie di pilastri con una lesena verso l'interno e una colonna addossata all'esterno. Le tre campiture interne quadrate che ne derivano, interpretando i tratteggi di proiezione riportati sul disegno, sono probabilmente divise da archi sostenuti dai pilastri e coperte con volte a crociera.
L'ordine tuscanico si definì in ambiente etrusco ed italico come variante locale dell'ordine dorico. Venne impiegato anche nell'architettura romana e fu poi ripreso ed elaborato in età rinascimentale, soprattutto a partire dal XVI secolo. Non si è potuto stabilire l'autore del disegno.

BibliografiaV. Pracchi, La Raccolta Martinelli al Castello Sforzesco di Milano (prima parte), "Il disegno di architettura", n. 3, 1991, p. 7 n. 16 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale]
AcquisizioneLibreria Antiquaria Hoepli (acquisto, 1941)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzePer richiedere immagini digitali relative al patrimonio del Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco è possibile inviare una richiesta a: c.gabinettodisegni@comune.milano.it.
Nella richiesta dovrà essere precisato se tali immagini necessitano a scopo di studio oppure siano destinate alla pubblicazione. In caso di pubblicazione le immagini potrebbero essere soggette al pagamento dei diritti di riproduzione secondo quanto stabilito dalla Deliberazione di G.C. n. 3175/2002.
Alcune opere potrebbero essere inoltre tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni). L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro