Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
O.F. serie 1, cartella 0060-0570
OggettodisegnoAutoriCaccianino, Salvatore (architetto e ingegnere) [Info autore]Gianolini, Filippo (capomastro) [Info autore]TitoloMilano. Edificio abitativo
(Ristrutturazione facciata)
Datazione15/06/1841 (data di esecuzione/stesura)
16/06/1841 (data di protocollo n. 14787)
24/06/1841 (data di approvazione)
Materia e tecnicapenna, acquerellatura, colorituraMisuremm 450 x 650
Note sull'immagineIndirizzo coevo: Contrada di San Protaso ad Monacos, n. 1718
Indirizzo al 1865: Via San Protaso, n. 10
Indirizzo attuale: Via San Protaso
Località: Milano
Proprietà edificio / Committenza: Biraghi Antonio

Notizie storico-criticheProgetto relativo alla ristrutturazione della facciata di un edificio di proprietà del richiedente, Antonio Biraghi, che viene approvato dalla Commissione "a condizione che nel bugnato del piano terreno siano rappresentati i cunei anche in giro alle due arcate" (vedi documento n. 60/568 e 60/569, protocollo n. 14787-16/06/1841). Successivamente ad un invito della Commissione (vedi documento n. 60/572), l'ispezione dell'Ufficio ingegneri stabilisce che vi sono delle occupazioni di suolo stradale nello stato attuale della facciata, giustificate dall'architetto capo dei lavori Salvatore Caccianino come dipendenti dalla costruzione originaria dei muri (vedi documenti nn. 60/566 e 60/567, protocollo n. 19511-02/08/1841); tale giustificazione non viene accettata dalla Commissione che intima al proprietario di correggere tale "sinuosità" della facciata durante i lavori di ristrutturazione, allineandosi alla linea della strada (vedi documento n. 60/574, protocollo n. 19759-05/08/1841). Dopo nuovi contatti tra il proprietario e la Commissione per definire il progetto di rettifilo della casa in oggetto (vedi documenti nn. 60/564 e 60/565, protocollo n. 20132-09/08/1841), si giunge all'accordo tra le parti e all'adeguamento del Biraghi a quanto prescritto dalla Commissione (vedi documento n. 60/563, protocollo n. 1999-26/08/1841). Nello stesso periodo il proprietario inoltra una petizione relativa a lavori interni a detto edificio (vedi documento n. 60/560, protocollo n. 11364-08/05/11841), approvati dalla Commissione a patto che, durante la loro esecuzione, le stanze interessate fossero da considerarsi inabitabili (vedi documento n. 60/559, protocollo n. 1044-23/05/1841).
Firme di approvazione:
Casati, podestà, Croce, Pizzala Andrea

Provenienza
CollocazioneComune di MilanoArchivio Storico Civico e Biblioteca TrivulzianaFondo Ornato Fabbriche
AvvertenzePer ottenere la riproduzione delle immagini relative al patrimonio dell'Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana è possibile inviare una richiesta a: c.ascbibliotrivulziana@comune.milano.it
Nel caso in cui le immagini siano destinate alla pubblicazione, a stampa o in formato elettronico, è necessario che nella richiesta siano riportate anche le seguenti informazioni: formato della pubblicazione, titolo, autore, editore, prezzo al pubblico, ambito di distribuzione, carattere divulgativo o scientifico dell'iniziativa editoriale.
Queste informazioni, di cui il richiedente si assume la responsabilità, costituiranno gli elementi di giudizio ai fini del rilascio dell'autorizzazione da parte dell'Istituto e del calcolo degli eventuali diritti da corrispondere ai sensi della Delibera della Giunta Comunale 3175/2002.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro