Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
O.F. serie 1, cartella 0052-0054
OggettodisegnoAutoriClerici, Lodovico (ingegnere) [Info autore]Pogliaghi, Michele (capomastro) [Info autore]TitoloMilano. Bottega (Ricostruzione muro interno)Datazione24/08/1830 (data di esecuzione/stesura)
27/08/1830 (data di protocollo n. 21009)
16/09/1830 (data di approvazione)
25/09/1830 (data di protocollo n. 23688)
Materia e tecnicapenna, acquerellatura, colorituraMisuremm 310 x 450
Note sull'immagineIndirizzo coevo: Contrada degli Orefici, n. 3199
Indirizzo al 1865: Via Orefici, n. 17
Indirizzo attuale: Via Orefici
Località: Milano
Proprietà edificio / Committenza: Bassi Girolamo, dottore

Notizie storico-criticheProgetto relativo alla ristrutturazione di una bottega in un edificio di proprietà del richiedente che nella petizione espone l'intenzione di ricostruire il muro interno di sostegno ai piani superiori, il quale "viene a mancare d'appoggio in alcune parti" essendosi spezzate alcune delle travi di sostegno. Il proprietario "intende far demolire l'attuale vecchio muro di tramezza e sostutuirne un altro appoggiato sopra due archi di muro impostati a tre pilastri di ceppo debitamente costrutti sopra solidi fondamenti"; in questo modo un pilastro di sostegno viene a trovarsi a ridosso del balcone verso strada e visibile da essa. Per ovviare a tale problema il proprietario intende occultarlo "mediante un pezzo d'anta di legno stabile che accompagna le ante laterali quando sono chiuse" (vedi documento n. 52/52, protocollo n. 21009-27/08/1830). La Commissione approva "purché il pilastro da ricostruirsi nella bottega venga arretratto dal muro esterno a filo delle ante ed in modo che col serramento a vetri che chiude l'arco superiore" (vedi documento 52/50). In risposta al provvedimento della Commissione il proprietario si impegna a "far ritirare per un oncia la parte superiore del pilastro, onde introdurre fra esso e la ferriata della mezzaluna il telajo di invetriata, che lo copra stabilmente, facendo apribili le sole porzioni di telajo che restano laterali al medesimo" (vedi documento n. 52/53, protocollo n. 23668-25/09/1830). Della pratica fa parte anche una petizione successiva relativa ad altro intervento in detta bottega (vedi documento n. 52/51, protocollo n. 14153-20/06/1831).
Firme di approvazione:
Taverna, Croce, Canonica Luigi

Provenienza
Immagini correlate(La digitalizzazione potrebbe essere parziale o riferirsi solo all'oggetto grafico)
CollocazioneComune di MilanoArchivio Storico Civico e Biblioteca TrivulzianaFondo Ornato Fabbriche
AvvertenzePer ottenere la riproduzione delle immagini relative al patrimonio dell'Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana è possibile inviare una richiesta a: c.ascbibliotrivulziana@comune.milano.it
Nel caso in cui le immagini siano destinate alla pubblicazione, a stampa o in formato elettronico, è necessario che nella richiesta siano riportate anche le seguenti informazioni: formato della pubblicazione, titolo, autore, editore, prezzo al pubblico, ambito di distribuzione, carattere divulgativo o scientifico dell'iniziativa editoriale.
Queste informazioni, di cui il richiedente si assume la responsabilità, costituiranno gli elementi di giudizio ai fini del rilascio dell'autorizzazione da parte dell'Istituto e del calcolo degli eventuali diritti da corrispondere ai sensi della Delibera della Giunta Comunale 3175/2002.
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro