Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
MA_552 C 165 Recto_K01
OggettodisegnoAmbito culturaleAnonimo della bottega MaggioliniSoggettoParticolare del fronte di un comòDatazione1780 ca. - 1785 ca. (Bibliografia (Beretti - Gonzalez Palacios 2014))Misureca. mm 956 x 250
Notizie storico-criticheSi tratta di uno dei più rari disegni del Fondo, a grandezza di esecuzione (alto poco meno di un metro). Il progetto precisa l'angolo e la forma del piede di uno dei più importanti comò del Maggiolini (identificato dopo che apparve in una vendita a Christie's Roma il 22 aprile 1986, lotto 403. Gonzalez-Palacios 1986, II, fig. 651). Una prima versione di questo disegno è al numero C 174. Sul verso si intravvede un delicato abbozzo per una sedia della forma inconsueta ed assai elegante. Sempre al verso è scritto il nome di Domenico Luigi Auregio: a questo personaggio erano destinati una coppia di comodini ed un comò di cui si conservano alcuni disegni nel Fondo (B 116 e B 122 bis). Luigi Auregio (o Aureggi) fu amico di Vincenzo Monti. Il poeta era uso villeggiare nella sua villa di Caraverio in Brianza. Nelle "Opere del Cavaliere Vincenzo Monti", Milano, 1826, IV, p. 283, appare un'"Ode nel giorno onomastico della mia donna nella villa del signor Luigi Aureggi del 1824". La datazione del presente foglio non è ovvia: stilisticamente esso sembra in rapporto col comò del Marchese Domenico Serra, vale a dire attorno al 1784. Il gusto architettonico potrebbe avvicinarsi a quello di Agostino Gerli.
[Beretti - Gonzalez Palacios 2014]

BibliografiaG. Morazzoni, Il mobile intarsiato di Giuseppe Maggiolini, Milano 1953, tavv. n. 97, 99A. Gonzalez-Palacios, Il tempio del gusto: le arti decorative in Italia fra classicismi e barocco; il granducato di Toscana e gli stati settentrionali, Milano 1986, p. 310G. Beretti, Giuseppe e Carlo Francesco Maggiolini: l'officina del Neoclassicismo, Milano 1994, p. 204, n. 271C. Salsi, Il Fondo Maggiolini: nota introduttiva, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Catalogo formato A / Catalogo formato B / Catalogo formato C / Catalogo formato E / Catalogo formato F, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Corrispondenza tra i numeri del Catalogo per formato e i numeri del Catalogo generale, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 552 C 165 Recto, scheda di Beretta, Giuseppe 1939; Contro, Anna 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro