Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
MA_444 E 17_K01
OggettodisegnoAutoreLevati, Giuseppe (?) [Info autore]SoggettoProgetto per il piano ribaltabile di un secrètaireComposizione decorativa per un anta di uno stipo di S.A.R. l'arciduchessaDatazione1790 (Bibliografia (Beretti - Gonzalez Palacios 2014))Misureca. mm 591 x 428
Notizie storico-criticheIl programma decorativo espresso in questo disegno si ritrova, quasi alla lettera, sul corpo superiore di un secrètaire oggi nella Palazzina di Stupinigi ma proveniente da Sala e dal Ducato di Parma (Gonzalez-Palacios 1986, I, p. 272; II, fig. 608).
La scritta sul presente disegno non sembra indicare questa provenienza poichè si scrive che il secrètaire era in lavorazione per S.A.R. l'Archiduchessa per Monza nel maggio 1790. Dunque si parla di Maria Beatrice d'Este, consorte del Governatore della Lombardia l'Arciduca Ferdinando d'Asburgo-Lorena. Difficile quindi conciliare quanto qui affermato con la provenienza parmense del secrètaire a Stupinigi. Ma se leggiamo quanto scritto nel disegno B 110 bis, dove si menziona un secrètaire per S.A.R., aggiungendo però "secondo", si può arguire che si parli di due mobili simili, ciò che giustificherebbe la provenienza da Parma del mobile oggi a Stupinigi. A nostro avviso, è possibile che nel 1790 siano stati eseguiti da Maggiolini due mobili simili: uno per l'Arciduchessa Maria Beatrice d'Este, un altro per l'Arciduchessa Maria Amalia d'Asburgo-Lorena, sorella dell'Arciduca Ferdinando nonchè Duchessa di Parma. D'altronde si vedrà che i disegni qui identificati come facenti parte dello stesso gruppo riguardano soltanto il partito ornamentale dell'anta e della fiancata e non includono i motivi tratti dall'antico che si vedono nel secrètaire oggi a Stupinigi. Il mobile per Monza (se esiste ancora) non è stato identificato. Per tutto questo problema si vedano anche i disegni: A 177, B 110 bis, B 604, C 97 e C 349.
[Beretti - Gonzalez Palacios 2014]

BibliografiaG. Beretti, Giuseppe e Carlo Francesco Maggiolini: l'officina del Neoclassicismo, Milano 1994, p. 110, n.134G. Beretti, Laboratorio: contributi alla storia del mobile neoclassico milanese, Milano 2005, p. 97C. Salsi, Il Fondo Maggiolini: nota introduttiva, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Catalogo formato A / Catalogo formato B / Catalogo formato C / Catalogo formato E / Catalogo formato F, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Corrispondenza tra i numeri del Catalogo per formato e i numeri del Catalogo generale, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Indice dei nomi di persona sui disegni, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Indice delle date apposte sui disegni, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Indice cronologico dei disegni per mobili, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 444 E 17, scheda di Beretta, Giuseppe 1939; Contro, Anna 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro