Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
MA_31 C 13_K01
OggettodisegnoAutoreAppiani, Andrea [Info autore]SoggettoIl PremioDatazione - 1777 ante (Bibliografia (Beretti - Gonzalez Palacios 2014))Misureca. mm 387 x 245
Notizie storico-criticheQuesto disegno e i numeri C 12, C 14, C 15 sono stati utilizzati per le fiancate del comò del Castello Sforzesco e di quello una volta presso la Contessa Bice Greppi Belgiojoso, entrambi commissionati dal Conte Antonio Greppi. I quattro disegni in due casi recano quella che sembra essere la firma di Andrea Appiani (1754-1817) e non, come al solito, una scritta posteriore. Se la nostra idea è corretta, i fogli C 12 e C 13 sono gli unici disegni del Fondo firmati da Andrea Appiani. Lo stile appare simile a quello dei due cartoni ai numeri C10 e C 11 utilizzati per le facciate dei due comò. Le composizioni sono tratte dalle ideazioni di Cesare Ripa. Abbiamo consultato l'Iconologia di Cesare Ripa (edizione 1613 di Siena) nella quale compaiono: il Consiglio, la Liberalità, il Premio e la Prudenza. Tutte queste figurazioni presentano diverse variazioni: il Consiglio non ha il braccio destro alzato; la Liberalità ha la sua cornucopia sulla destra rovesciata ed è mancante dell'aquila sul capo; il Premio è pressochè uguale: presenta una veste lunga e il braccio destro alzato; la Prudenza, infine, è uguale ma omette la figura del cervo ai piedi della donna. Nessuna figurazione del Ripa reca i cartigli con i motti presenti nei nostri disegni.
[Beretti - Gonzalez Palacios 2014]

BibliografiaG. Beretti, Appunti per uno studio sull'opera della bottega Maggiolini attorno alla "comod chinoise" dei Civici Musei, in Rassegna di studi e di notizie, Milano 1989-1990, p. 108, fig. 23G. Beretti, Giuseppe e Carlo Francesco Maggiolini: l'officina del Neoclassicismo, Milano 1994, p. 67, tav. n. 74G. Beretti, Andrea Appiani: i disegni d'ornato per il "bravo signor Maggiolini", in Rassegna di studi e di notizie, Milano 1998, p. 56G. Beretti, Il mobile dei lumi: Milano nell'età di Giuseppe Maggiolini (1758-1778), Milano 2010, p. 419, tav. n. 225C. Salsi, Il Fondo Maggiolini: nota introduttiva, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Il Fondo Maggiolini: fatti e proposte, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Catalogo formato A / Catalogo formato B / Catalogo formato C / Catalogo formato E / Catalogo formato F, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Corrispondenza tra i numeri del Catalogo per formato e i numeri del Catalogo generale, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Indice dei nomi degli artisti sui disegni, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 31 C 13, scheda di Beretta, Giuseppe 1939; Contro, Anna 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro