Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
MA_28 C 10_K03
OggettodisegnoAutoreAppiani, Andrea [Info autore]SoggettoComposizione allegorica (La ninfa Pasitea)Datazione - 1777 ante (Bibliografia (Beretti - Gonzalez Palacios 2014))Misureca. mm 342 x 930
Notizie storico-criticheQuesto grande disegno, raffigurante una composizione allegorica di gusto pariniano con la ninfa Pesitea, è opera universalmente accettata di Andrea Appiani (1754-1817). Nonostante il suo carattere pittorico, esso è stato tradotto con grande abilità su uno dei due mobili (oggi conservato al Castello Sforzesco di Milano) eseguiti nel 1777 per il Conte Antonio Greppi. Per il secondo mobile si veda la scheda C 11. Ignoriamo la data in cui la coppia di arredi venne divisa, ma già nella mostra commemorativa del 1938, dove i mobili vengono correttamente attribuiti al Maggiolini\Appiani, uno dei due (oggi sul mercato antiquario) viene detto appartenente alla Contessa Bice Greppi Belgiojoso. Al mobile del Castello Sforzesco venne aggiunto arbitrariamente in epoca imprecisata, ma certamente nel corso del Novecento, un secondo corpo. Il disegno dell'Appiani venne utilizzato in un altro mobile (Gonzalez-Palacios 1986, II, figg. 647-651) di cui nel fondo si conserva il progetto in scala 1:1. (C 165)
[Beretti - Gonzalez Palacios 2014]

BibliografiaG. Marangoni, Gli intarsii di Giuseppe Maggiolini, in Citta di Milano, Milano 1918, p. 55Mostra commemorativa, Mostra commemorativa di Giuseppe Maggiolini/ Catalogo della mostra, Milano, 1938, Milano 1938, p. 5G. Morazzoni, Il mobile intarsiato di Giuseppe Maggiolini, Milano 1953, tav. n. 5A. Gonzalez-Palacios, Il tempio del gusto: le arti decorative in Italia fra classicismi e barocco; il granducato di Toscana e gli stati settentrionali, Milano 1986, vol. II, p.310, fig. 648G. Beretti, Giuseppe e Carlo Francesco Maggiolini: l'officina del Neoclassicismo, Milano 1994, p. 65, tav. n. 68G. Beretti, Andrea Appiani: i disegni d'ornato per il "bravo signor Maggiolini", in Rassegna di studi e di notizie, Milano 1998, p. 60E. Colle, Le arti decorative, 2001, p. 554(A.O.), Giuseppe Maggiolini, Cassettone, in Il Neoclassicismo in Italia: da Tiepolo a Canova/ Catalogo della mostra, Milano, 2002, Milano 2002, p. 511G. Beretti, Laboratorio: contributi alla storia del mobile neoclassico milanese, Milano 2005, pp. 40-41G. Beretti, Il mobile dei lumi: Milano nell'età di Giuseppe Maggiolini (1758-1778), Milano 2010, Vol. I, pp. 420 e sg., tav. n. 228C. Salsi, Il Fondo Maggiolini: nota introduttiva, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Catalogo formato A / Catalogo formato B / Catalogo formato C / Catalogo formato E / Catalogo formato F, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Corrispondenza tra i numeri del Catalogo per formato e i numeri del Catalogo generale, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 28 C 10, scheda di Beretta, Giuseppe 1939; Contro, Anna 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro