Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
MA_183 C 41_K01
OggettodisegnoAutoreLevati, Giuseppe [Info autore]SoggettoMonogramma W coronatoDatazionesecc. XVIII/ XIX (Bibliografia (Beretti - Gonzalez Palacios 2014))Misureca. mm 306 x 328
Notizie storico-criticheAlla W sormontata da una corona comitale è legato il caduceo (prima forse più lungo, come si vede nello schizzo a matita in alto), emblema di Mercurio, il dio del commercio. Gli elementi della W finiscono a sinisra con cornucopie dell'Abbondanza; i tralci di ulivo alludono alla Pace. A nostro avviso si tratta dell'iniziale del Conte Johann Joseph von Wilczek (1738-1819) Feldmaresciallo e grande funzionario dell'Impero austriaco che visse a lungo in Italia, sia in Toscana sia soprattutto in Lombardia dove, nel 1782, fu nominato plenipotenziario dell'Arciduca Ferdinando. Si ritiene che Wilczek fosse uno dei principali riorganizzatori dell'economia lombarda dopo Firmian; fu amico e collega del Conte Greppi, anch'egli cliente del Maggiolini, al quale nel 1777 pagò un'importante coppia di comò. Wilczek lasciò Milano nel 1796 all'arrivo di Napoleone. E' stato reso noto un comò sulle fiancate del quale compaiono il monogramma e il caduceo qui raffigurati (Beretti 1994, p. 96).
Morazzoni (1953; tav. XXIII) illustra una scrivania di eccelsa fattura con un'iniziale W diversa dal nostro foglio, ritenendola appartenuta al banchiere von Willer, forse anch'essa per Wilczek.
[Beretti - Gonzalez Palacios 2014]

BibliografiaG. Beretti, Giuseppe e Carlo Francesco Maggiolini: l'officina del Neoclassicismo, Milano 1994, p. 97, tav. n. 116C. Salsi, Il Fondo Maggiolini: nota introduttiva, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Catalogo formato A / Catalogo formato B / Catalogo formato C / Catalogo formato E / Catalogo formato F, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014G. Beretti, A. Gonzalez-Palacios, Corrispondenza tra i numeri del Catalogo per formato e i numeri del Catalogo generale, in Giuseppe Maggiolini. Catalogo ragionato dei disegni, Milano 2014
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 183 C 41, scheda di Beretta, Giuseppe 1939; Contro, Anna 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro