Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
Cart. 495, pl. X.46
OggettodisegnoAutoreMausanzetta (disegnatore) [Info autore]TitoloMaggiore Angelo FioritoDatazione1917 (datata/o)Materia e tecnicamatita, china/pastello su cartaMisuremm 298 x 230
Notizie storico-criticheAngelo Fiorito (n. 1877) indossa una giubba da truppa riconoscibile dal "salsicciotto" cucito sulla spalla, recante il numero del reggimento "70". L'artista, in realtà, avrebbe dovuto disegnare il numero "3", indicante la compagnia. Inoltre, porta la fondina della pistola d'ordinanza Bodeo, modello 1889 e si intravvede quello che resta del cordino utile a non perderla.
Nella descrizione del personaggio Mausanzetta compie qui alcuni errori: disegna sul colletto le mostrine con i colori della Brigata Ancona mancanti di alcuni particolari; sulla spalla sinistra segna il numero del Reggimento al posto di quello del Battaglione (III), come da disposizione uniformologica.
Il Comandante Luigi Fiorito indossa la giubba da truppa e la fondina della pistola d'ordinanza Bodeo modello 1889. Ufficiale sempre in prima linea, cadde il 26 ottobre 1917 sul Monte Faiti (Carso), meritando una Medaglia d'Argento. Mausanzetta sottolinea la sua temerarietà ritraendolo con la divisa usurata dal combattimento

ProvenienzaNoseda Cesare (dono)
Immagini correlate(La digitalizzazione potrebbe essere parziale o riferirsi solo all'oggetto grafico)
CollocazioneComune di MilanoCiviche Raccolte Storiche
AvvertenzeLe opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro