Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
BALD.II.C.a
OggettodisegnoAutoreBaldessari, Luciano (progettista) [Info autore] [Allegato]TitoloConcorso per il Salone d'onore, VI Triennale, MilanoDatazione1936Misurecm 29,2 x 22
Notizie storico-criticheIl bando di concorso per un Salone d'Onore, da realizzare in occasione della VI Triennale di Milano, richiedeva la progettazione di un ambiente da adibire alle cerimonie ufficiali. Il progetto di Baldessari gioca sui diversi motivi decorativi delle quattro pareti, intercalando soluzioni di grande modernità con citazioni dalla tradizione italiana. La sua proposta prevede la giustapposizione di una parete in vetrocemento con una parete trattata a finto mattone faccia a vista, la cui decorazione a losanghe si ispirava al Palazzo Ducale di Venezia. Su una delle due pareti corte sarebbe stata conservata la nicchia già esistente, ora rivestita in legno di rovere lucidato. Ad essa avrebbe condotto una scalinata di marmo nero, che avrebbe svolto funzione di spalto ospitando le autorità durante le cerimonie, mentre l'oratore, o la più alta autorità presente, avrebbe preso posto nella nicchia. Contro la parete di fronte, su uno zoccolo in muratura, sarebbe stata posta una statua in gesso raffigurante Cesare Augusto. Il pavimento esistente sarebbe stato conservato.
Il progetto, in una prima fase, risulta vincitore a pari merito con quello di Giancarlo Palanti. La giuria chiede dunque che venga sottoposta una nuova proposta. In questo secondo progetto viene conservata la parete in vetrocemento illuminata dall'esterno, mentre i partiti decorativi delle altre pareti vengono semplificati. Una quinta in marmo bianco lucidato, contro cui viene posta la poltrona reale in velluto rosso, occupa la parte centrale della parete di fondo, rivestita con intonaco grigio caldo a grana grossa. Sempre su questa parete viene posto un altorilievo in cemento a impasti colorati eseguito da Leone Lodi. Le altre due pareti sono in finto marmo grigio chiaro e in mattoni dipinti grigio - rosa.
Nonostante i correttivi apportati nella seconda fase, la commissione premia il progetto di Palanti (con Marcello Nizzoli ed Edoardo Persico).
La serie è composta da tre schizzi.

Documentazione correlataBALD.II.C.a Scheda descrittiva completa in [LombardiaBeniCulturali]
BibliografiaLuciano Baldessari e Milano: progetti e realizzazioni in Lombardia, a cura di G. L. Ciagà, Milano 2005, p. 84 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale] [Allegato]
ProvenienzaMosca Baldessari (acquisto, 2002)
Immagini correlate(La digitalizzazione potrebbe essere parziale o riferirsi solo all'oggetto grafico)
CollocazioneComune di MilanoCASVA
AvvertenzeLe opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro