Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
BALD.II.A.13d
OggettodisegnoAutoriBaldessari, Luciano (progettista) [Info autore] [Allegato]Matassoni, Primo (collaboratore) [Info autore]Saliva, Ernesto (collaboratore) [Info autore]TitoloEdificio a uso misto in piazza San Babila, MilanoDatazione1936 - 1937Misurecm 10 x 15,8
Notizie storico-criticheL'edificio, che sarebbe sorto nel versante orientale della piazza (nel lotto compreso fra corso Monforte, via Cino del Duca e via Borgogna), avrebbe ospitato un cinema - teatro per 2.600 spettatori, un hotel di lusso, ristoranti, uffici e appartamenti. Il progetto subisce nel tempo una serie di trasformazioni, da una prima ipotesi che prevedeva corpi di diversa altezza con torri affacciate su entrambe i fronti stradali, fino alla formula definitiva, con un edificio a blocco con un'unica torre assiale dal profilo scalettato. Il piano terra avrebbe ospitato negozi, uffici e ingressi ai vari luoghi di intrattenimento; fino al nono piano l'edificio avrebbe ospitato solo uffici, mentre dal decimo piano in su la torre sarebbe stata destinata a uso residenziale. Il complesso ha superifice di 4.300 mq, copro centrale alto 73,15 m., corpi laterali alti 40 m., corpo su via Borgogna alto 30 m., corpo su corso Monforte alto 27,80 m.
La mancata realizzazione di questo progetto, insieme all'affermazione del fascismo, sono fra i motivi che spingono Baldessari a lasciare l'Italia e a trasferirsi a New York, dove soggiorna dalla fine del 1939 al 1948. Il compenso per il lavoro svolto viene portato negli Stati Uniti da Alma Griffith Grey, compagna di Baldessari, e costituisce il capitale che gli consente di vivere in America pur senza poter svolgere la professione di architetto (in quanto italiano, infatti, non gli era concessa l'iscrizione all'Ordine).
La serie è composta da sedici schizzi e da una veduta prospettica a tempera.

Documentazione correlataBALD.II.A.13d Scheda descrittiva completa in [LombardiaBeniCulturali]
BibliografiaLuciano Baldessari e Milano: progetti e realizzazioni in Lombardia, a cura di G. L. Ciagà, Milano 2005, p. 86 Scheda descrittiva completa in [SBN_Nazionale] [Allegato]
ProvenienzaMosca Baldessari (acquisto, 2002)
Immagini correlate(La digitalizzazione potrebbe essere parziale o riferirsi solo all'oggetto grafico)
CollocazioneComune di MilanoCASVA
AvvertenzeLe opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro