Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_870 D 42_K01
OggettodisegnoAutoreBoglino, Maria Elisa [Info autore]SoggettoStudio di due nudi femminiliLa cacciata di Adamo ed Eva dal paradiso terrestreDue figure maschiliDatazione1930 ca. (bibliografia)Materia e tecnicagrafite , china , cartaMisuremm 334 x 274
Notizie storico-criticheL'11 aprile del 1932 all'interno della Galleria del Milione si inaugura una mostra personale di Elena Maria Boglino, artista di origine danese che da diversi anni aveva scelto la città di Palermo come luogo d'adozione in cui vivere e lavorare. La mostra organizzata da Baldi, dopo l'esclusione della Boglino dalla I Quadriennale di Roma, viene presentata con una monografia sull'artista curata dallo stesso critico ed edita da Vallecchi. L'8 luglio dello stesso anno le raccolte pubbliche milanesi registrano l'acquisto di due disegni dell'artista: "Apparizione di Dio Padre ad Adamo ed Eva" (inv. 870 D 41) e "Studio di due nudi femminili" indicato nell'inventario Nicodemi come "La cacciata di Adamo ed Eva dal paradiso terrestre", mentre nel registro di carico è registrato erroneamente come "Due figure maschili". Quest' opera, dalle forti valenze drammatiche, non è fra quelle pubblicate da Baldi, ma per le similitudini compositive può essere accostata allo "Schizzo per composizione" (tav. n. 5) e "Alienate" (tav. n. 9) presenti nella stessa monografia (P.M. Baldi, Boglino 62 riproduzioni. Nota di P. M. Baldi, Firenze 1932). Nell'opera le figure sono realizzate con veloci pennellate d'inchiostro che oltre a definire le forme creano sui corpi delle due donne tenue ombreggiature di inchiostro di china acquerellato. Inoltre come sapientemente descritto da Elena Vilardi nel disegno "il punto di vista dal basso accentua l'intensità dei gesti delle due figure che si stagliano al centro del foglio muovendo verso direzioni opposte. Quella in primo piano nasconde il volto con la mano, l'altra alza entrambe le mani e il volto, e i movimenti contrapposti delle due figure producono una certa tensione nella composizione" (Vilardi 2001-2002).
BibliografiaE. Vilardi, La grafica a Milano negli anni Trenta: la Galleria del Milione e le Raccolte Civiche (1930-1936), Milano 2001-2002, Vol. 1, p. 192, Vol. 2, scheda 7
ProvenienzaGalleria del Milione (acquisto, 1932)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 870 D 42, scheda di Mascellino, Bruno 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro