Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_6791 B 2586 recto_K02
OggettodisegnoAutoreTroubetzkoy, Paolo [Info autore]SoggettoRitratto del pittore Vittore Grubicy De DragonDatazione1886 ca. - 1898 ca. (contesto)Materia e tecnicacarta, grafiteMisuremm 260 x 235
Notizie storico-criticheLa formazione artistica di Paolo Troubetzkoy inizia con gli insegnamenti giovanili di Daniele Ranzoni, sebbene egli fosse essenzialmente autodidatta. Dal 1884, anno del suo trasferimento a Milano, frequenta per un breve periodo gli atelier di Ernesto Bazzaro e di Giuseppe Grandi, respirando il clima dell'ambiente scapigliato lombardo e dell'alta borghesia imprenditoriale milanese per la quale realizza numerosi ritratti fino al 1898, anno del suo trasferimento in Russia, per poi viaggiare tra Parigi, Londra e gli Stati Uniti, tornando in Italia solo negli anni successivi. Al primo periodo milanese, risale la conoscenza con Vittore Grubicy il quale, apprezzandone l'opera, posa per lui in un intenso disegno. Grubicy, individuando nella sua poetica le linee fondamentali della Scapigliatura, ancora in grado di stimolare lo sviluppo della sperimentazione artistica e del ritratto moderno, si fa effigiare di tre quarti come un avvenente uomo seduto in poltrona. Nella composizione il tratto veloce della matita accenna sommariamente il vestito e i lineamenti del volto, regalando un'espressione del viso serena ma imperscrutabile. Il taglio della composizione affida la rappresentazione del personaggio alla precarietà della posa anticonvenzionale, che conferisce all'opera una dimensione fortemente psicologica. Già in questo disegno giovanile Troubetzkoy mostra la sua predilezione per il ritratto che, tra le tecniche più variegate e principalmente in scultura, sarà filo conduttore della propria ricerca poetica.
BibliografiaA. P. Quinsac, Catalogo della donazione, in Vittore Grubicy e l'Europa. Alle radici del Divisionismo, Milano 2005, p. 267, fig. D99
ProvenienzaGrubicy de Dragon, Vittore (donazione, 1920)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 6791 B 2586 Recto, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro