Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_6571 D 536_K01
OggettodisegnoAutoreSottocornola, Giovanni [Info autore]SoggettoAutoritrattoDatazione1909 (datata/o)Materia e tecnicacarta, sanguignaMisuremm 400 x 320
Notizie storico-criticheGiovanni Sottocornola, artista legato a Giuseppe Pellizza da Volpedo e Giovanni Segantini, fu uno degli esponenti del divisionismo milanese, oltre che artefice non secondario di una pittura sociale con la quale esordì alla fine dell'Ottocento. Successivamente si dedicò principalmente a rappresentazioni intimiste, a delicati ritratti femminili e di fanciulli, ma anche a paesaggi e nature morte. Buona parte della sua produzione è caratterizzata da una raffinatissima tecnica a pastello e da interessanti disegni a matita e a sanguigna (cfr. G. Ginex, A. Scotti, Giovanni Sottocornola. Dal realismo sociale al quotidiano familiare, Milano 1985), come nel caso dell'opera in questione: un intenso autoritratto che lo ritrae a 54 anni, creato come bozzetto preparatorio per l'esecuzione di un'acquaforte. Il disegno, donato dagli eredi nel 1925, è percorso da un fitto intreccio di rapidi tratti che delineano la figura dell'uomo di tre quarti. I particolari fisiognomici del volto, la veste e lo spazio retrostante si contrappongono alle parti del foglio rimaste bianche che a loro volta restituiscono un forte senso di luminosità in tutta l'opera.
ProvenienzaSottocornola (vedova Luigia e figlie) (donazione, 1925)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 6571 D 536, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro