Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_6371 C 853_K01
OggettodisegnoAutoreSegantini, Giovanni [Info autore]TitoloStudio per "La Ninetta del Verzée" / Studio per "La pescivendola"La Ninetta del Verzée di Carlo PortaPescivendolaRitratto di Carolina BugattiDatazione1882 (bibliografia)Materia e tecnicacarta azzurra, inchiostroMisuremm 378 x 283 (intero)
Notizie storico-criticheEntrato nella scuderia di Vittore e Alberto Grubicy già dal 1880, Giovanni Segantini fino al 1886 tratta nelle sue opere tematiche principalmente veriste con figure, paesaggi e nature morte.
Su questa scia, ispirandosi al poemetto in dialetto milanese di Carlo Porta (1776-1821) La Ninetta del Verzée, realizza una tela a olio. Ninetta nell'opera del poeta è una pescivendola, che a causa di una triste vicenda è costretta a vendere il banco al mercato del Verziere di Milano e a prostituirsi. Nel quadro di Segantini la protagonista della storia è descritta come una giovane e robusta venditrice di pesce e verdure, che da dietro il banco della mercanzia richiama sorridente la sua clientela. L'interpretazione della posa e dell'espressione della donna, caratterizzata da un vivace naturalismo, visibile in particolare nella resa della natura morta, dona all'opera un realismo fortemente espressivo. Quest'ultima infatti, così come già osservato dalla critica si discosta profondamente dalle tendenze romantiche proposte dalla pittura scapigliata (Quinsac 1982), tanto che lo stesso Primo Levi la descrive come un "allegro canto delle esequie per la morte della pittura di genere" (Nicodemi 1956).
L'opera rimanda al suo disegno preparatorio, uno dei rari casi di studio che ci rimangono del pittore, il quale è realizzato con sottilissimi ma vigorosi tratti di inchiostro scuro su carta azzurra, e fu donato alle Civiche Raccolte milanesi da Vittore Grubicy nel 1920. Segantini nell'opera grafica, concentrandosi solo sullo studio della figura, presenta un impianto compositivo più essenziale rispetto al dipinto, grazie anche alla scelta di eliminare gli elementi accessori dello spazio circostante, e ciò si traduce in una maggiore immediatezza espressiva dei caratteri di sfrontatezza e sicurezza della donna.
Dalle iscrizioni autografe sul recto e sul verso del foglio a opera di Vittore Grubicy e Emilio Longoni, si apprende, inoltre, che la ragazza che posa come modella è la cognata del pittore, Caterina Bugati, una delle sorelle maggiori di Bice, sua consorte. Queste le parole di Grubicy scritte sul foglio: "Studio per la Ninetta del Verzee fatto colla cognata Osio VGDD"; e quelle del pittore Emilio Longoni: "Disegno della pescivendola di Giovanni Segantini, non firmato ma suo, la modella è Carolina, sorella della signora Segantini".
Il foglio, per la particolare qualità del segno e per l'età della modella, è stato datato da Annie-Paule Quinsac, al 1882, posticipando così di tre anni la datazione delle due opere, tradizionalmente ascritte dalla critica al 1879 (Quinsac 1982).
Oltre a queste, un anno dopo l'esecuzione del dipinto, l'artista realizza un altro disegno, oggi disperso, del tutto simile alle opere precedenti; quest'ultimo probabilmente usato come base per un'acquaforte e pubblicato in quello stesso anno ne "L'Illustrazione italiana" e nell' "Album ricordo dell'Esposizione romana" (Ivi. p. 120).

BibliografiaQuinsac A.P., Segantini. Trent'anni di vita artistica europea nei carteggi inediti di Giovanni Segantini e dei suoi mecenati, Cattaneo 1895, pp. 98, 170C. Vicenti, "La Ninetta del Verzé" disegno di Segantini, in Città di Milano. Bollettino Mensile, Milano 1921G. Nicodemi, Giovanni Segantini, Milano 1956, pp. 23, 50, 235 n. 30, fig. 30L. Budigna, Giovanni Segantini, Milano 1962, p. 28T. Fiori, Giovanni Segantini, in Archivi del divisionismo, v. II, Roma 1968-1969, p. 22 n. 157 (II.26), v. II p. 47 fig. 157 (catalogo fotografico)Gozzoli M.C., L'opera completa di Segantini, Milano 1973, p. 91 n. 32, fig. 32A. P. Quinsac, Exhibition Segantini. Japan 1978/ Catalogo della mostra, Hyogo-Tokyo-Hiroshima-Takasaki-Kita Kyushu, 1978, Hyogo 1978, p. 166 n. D.1Quinsac A.P., Segantini: catalogo generale, v. I, Milano 1982, pp. 116-117 n. 152, fig. 152G. Belli, Catalogo delle opere, in Segantini. Mostra antologica/ Catalogo della mostra, Milano, 1987, Milano 1987, pp. 114-115 n. 38, fig. 38A. P. Quinsac, Katalog der ausgestellten Werke, in Giovanni Segantini 1858-1899/ Catalogo della mostra, Zürich, 1990-1991, Zürich 1990, p. 88 n. 23, fig. 23G. Belli, Quinsac A.P., I dipinti; L'artista vate, Schizzi e studi; Natura e vita; Emozioni Simboliste, in Segantini: la vita, la natura, la morte: disegni e dipinti, Milano 1999, pp. 92, 223-224 n. 15, fig. 15A. Dallaj, La donazione di Vittorio Grubicy alle Civiche Raccolte di Milano. I disegni, in Vittore Grubicy e l'Europa. Alle radici del Divisionismo, Milano 2005, p. 202Vittore Grubicy, Catalogo della donazione., in Vittore Grubicy e l'Europa: alle radici del divisionismo/ Catalogo della mostra, Torino, Trento, Milano, 2005-2006, Milano 2005, p. 263 n. D.95, fig. D.95A. P. Quinsac, D. Tronelli, Schede di catalogo, in Segantini. Ritorno a Milano, Milano 2014, p. 138 n. 19, fig. 19Regesto delle opere, in Novecento di carta, Milano 2018, pp. 222, 242 n. 2, fig. 2F. Rossi, B. Mascellino, Civico Gabinetto dei Disegni, Castello Sforzesco. La promozione della grafica moderna a Milno tra Grubicy, Pica e la Galleria del Milione, in Novecento di carta, Milano 2018, pp. 25, 222, fig. 2
ProvenienzaGrubicy de Dragon, Vittore (donazione, 1920)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 6371 C 853, scheda di Mascellino, Bruno 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro