Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_6017 D 448_K01
OggettodisegnoAutoreRosai, Ottone [Info autore]TitoloPaeseDatazione1929 ante (contesto)Materia e tecnicacarta bianca, carboncino, acquerelloMisuremm 331 x 422
Notizie storico-criticheStraordinario interprete di bellezze naturalistiche, l'artista fiorentino, tra la fine degli anni Venti e gli inizi degli anni Trenta, descrive il paesaggio toscano attraverso una severa osservazione purista. Il disegno, esposto nella "Seconda Mostra del Novecento Italiano", venne acquistato in quell'occasione per le raccolte pubbliche del Castello Sforzesco. Esso mostra, al di là di una lussureggiante radura, una serie di monumentali case coloniche create attraverso blocchi geometrici e piani sovrapposti. Nel foglio la rappresentazione della campagna è resa attraverso intensi passaggi di tono, e da un segno fitto e corsivo che, oltre a delineare le case in lontananza, descrive in maniera sintetica la folta vegetazione in primo piano. L'alone scuro che si staglia sul cielo plumbeo è ottenuto mediante una leggera acquerellatura del carboncino.
Nel disegno traspare, ancora, una riflessione intima ed evocatrice della campagna, rivelatrice di suggestioni pure, che vanno oltre ogni volontà narrativa. Il paesaggio, i blocchi di case e la folta vegetazione costituiscono un soggetto prediletto di Ottone Rosai, che seppe celebrare nelle sue opere, quel sentimento di religiosa contemplazione tipico della cultura toscana.

BibliografiaSeconda Mostra del Novecento italiano, Milano 1929, p. 22 n. 31Disegni contemporanei nelle Civiche Raccolte d'Arte, Milano 1971, n. 54M. Garberi, Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, Milano 1991, p. 10 nota 34E. Vilardi, La grafica a Milano negli anni Trenta: la Galleria del Milione e le Raccolte Civiche (1930-1936), v. I, Milano 2001-2002, p. 116 nota 287 p. 119
ProvenienzaII Mostra del Novecento Italiano (acquisto, 1929)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 6017 D 448, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro