Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_4865 F 14_K01
OggettodisegnoAutorePellizza, Giuseppe [Info autore]TitoloPaesaggio con la collina di Monleale sul fondoDatazione1903 ca. - 1904 ca. (bibliografia)Materia e tecnicacarta, carboncinoMisuremm 610 x 782
Notizie storico-criticheIl disegno è datato da Teresa Fiori in "Archivi del Divisionismo" all'incirca al 1906, ed è anticipato di qualche anno tra il 1903 e il 1904 da Aurora Scotti che lo cita nei suoi numerosi studi sull'artista come "Paesaggio con la collina di Monleale sul fondo", riconoscendovi in esso le campagne attorno a Volpedo, dove il pittore era solito soffermarsi a disegnare. Nell'ultimo periodo delle sua vita, infatti, Giuseppe Pellizza si interessò particolarmente a questo genere figurativo, studiando numerosi paesaggi collinari, e in particolar modo al crepuscolo, creando delle intense composizioni paesaggistiche fatte da sottili rapporti luminosi che sottolineano il suo interesse per le fasi astrali del sole.
Il foglio presenta una successione di piani caratterizzati da una luminosità crescente ottenuta per mezzo di una diversa modulazione del tratto del carboncino che crea la percezione di una prospettiva aerea.
Così al fitto intreccio di linee in primo piano, segue via via un loro diradarsi, nella rappresentazione di una variegata vegetazione e di spogli arbusti che si stagliano sulle vallate nello sfondo.

BibliografiaMostra individuale di G. Pellizza da Volpedo, Milano 1920, p. 15 n. 111I. Cremona, Mostre d'arte a Torino. Pellizza da Volpedo alla Stampa, in Torino, Torino 1939M. Bernardi, R. Scaglia, Mostra commemorativa di Giuseppe Pellizza da Volpedo, Torino 1939, p. 16 n. 25M. Bernardi, Pellizza da Volpedo, in Alexandria, Alessandria 1939, p. 84, fig.A. Mensi, R. Scaglia, Mostra degli artisti alessandrini dell'Ottocento ordinata nella Pinacoteca civica di Alessandria, Alessandria 1940, p. 20 n. 147A. Mensi, Mostra del pittore Giuseppe Pellizza da Volpedo, 1868-1907 ordinata nella Pinacoteca di Alessandria, Alessandria 1954, p. 45 n. 114T. Fiori, Archivi del divisionismo, v. II, Roma 1968-1969, p. 103 V.256 n. 1374F. Poggio, Uomo e natura in Pellizza da Volpedo, in La provincia d'Alessandria, Alessandria 1968, p. 10 n. 9, fig.A. Scotti, Giuseppe Pellizza da Volpedo, in Mostra del Divisionismo italiano, Milano 1970, p. 104 n. 76Z. Birolli, Catalogo. Umberto Boccioni, in Mostra del Divisionismo italiano, Milano 1970M. Monteverdi, La pittura italiana dell'Ottocento, in Storia della pittura italiana dell'Ottocento, Busto Arsizio 1984, v. II fig. 995A. Scotti, Pellizza da Volpedo. Catalogo generale, Tortona-Milano 1986, pp. 432-433 n. 1153Scotti Tosini A., Giuseppe Pellizza da Volpedo - disegni. "Lo studio dell'uomo mi condusse alla natura", Milano 1996, p. 130 n. 41, p. 92 fig. 41
Provenienzaacquisto, 1920
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 4865 F 14, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro