Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_4692 A 1647 verso_K01
OggettodisegnoAutoreNomellini, Plinio [Info autore]SoggettoUomo in cammino visto da tergoDatazione1889 ca. - 1892 ca. (analisi stilistica)Materia e tecnicacarta, matita di grafiteMisuremm 128 x 89
Notizie storico-critichePlinio Nomellini, nel corso della sua esistenza, disegna instancabilmente in piccolissimi fogli di taccuino nel quale schizza con carboncino, matita o inchiostro tutto quello che osserva. Un esempio è "Uomo Seduto", un disegno a matita probabilmente da datare tra la fine degli anni Ottanta e gli inizi degli anni Novanta dell’Ottocento seppur l’assenza di un’indicazione autografa non permette di stabilire una data certa relativa alla sua realizzazione. Il piccolo disegno si può comunque considerare come un’opera indipendente, un piccolo studio grafico, chiaramente concepito come un’annotazione rapida di una figura osservata dal vero. Lo stesso può dirsi per la figura a matita presente sul verso dello stesso foglio, raffigurante un uomo in cammino visto da tergo. In entrambe le immagini il tratto che le compone è morbido e veloce ed è caratterizzato da una nitidezza del segno che descrive le figure nella loro interezza. Nel disegno con l’uomo seduto sul recto del foglio però, si osservano ombreggiature più marcate, create con veloci intrecci verticali di matita che risultano assenti, invece, nella figura presente sul verso. Il foglio, così come tutte le alte opere su carta dell’artista, conservate presso il Civico Gabinetto di Disegni del Castello Sforzesco (invv. 4689 A 1644; 4690 A 1645, 4691 A 1646; 4693 A 1648), fu donato da Vittore Grubicy alle raccolte pubbliche nel 1920.
ProvenienzaGrubicy de Dragon, Vittore (donazione, 1920)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 4692 A 1647 Verso, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro