Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_4691 A 1646_K01
OggettodisegnoAutoreNomellini, Plinio [Info autore]SoggettoAlla tavernaDatazione1890 (datata/o)Materia e tecnicacarta, inchiostro a pennaMisuremm 101 x 115
Notizie storico-criticheCon il trasferimento a Genova nel 1900 - l’artista vi dimorerà fino al 1902 - il contenuto politico e sociale delle opere di Plinio Nomellini si farà sempre più forte. Egli, infatti, in questo periodo ligure trae ispirazione dai temi sociali, già abbracciati negli ultimi tempi trascorsi a Firenze, fissando su piccoli fogli di taccuino innumerevoli impressioni della città, con le sue strade e le sue locande abitate da poveri miserabili abbandonati al loro destino. Sono i rappresentati del proletariato urbano, gli operai, i poveri e gli umili, tutto il mondo dolente, mortificato e oppresso di quella città portuale di fine Ottocento. Il foglio intitolato "Alla taverna", firmato e datato "P Nomellini / 90", è da collocare all’interno di questo ambiente, oltre che da considerare come un’opera indipendente dalla produzione pittorica dell’artista. È un’annotazione rapida, dalla grande carica emotiva, di una scena ripresa direttamente dal vero all’interno di una locanda. L’immediatezza dell’impressione è data da un segno scarno e sintetico che descrive quattro figure malinconiche sedute, queste ultime attraverso gesti elementari, mostrano l’ambiente di miseria e povertà in cui vivono. Così come tutti gli altri fogli dell’artista, conservati presso il Civico Gabinetto di Disegni del Castello Sforzesco (invv. 4689 A 1644; 4690 A 1645; 4692 A 1647 Recto e Verso, 4693 A 1648), l’opera in questione fu donata da Vittore Grubicy alle raccolte pubbliche nel 1920.
ProvenienzaGrubicy de Dragon, Vittore (donazione, 1920)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 4691 A 1646, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro