Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_4690 A 1645_K01
OggettodisegnoAutoreNomellini, Plinio [Info autore]SoggettoPiazzale di una chiesaDatazione1920 ante (contesto)Materia e tecnicacarta, matita di grafite, bistroMisuremm 100 x 143
Notizie storico-criticheGia dai primi anni fiorentini, Plinio Nomellini disegna instancabilmente in piccolissimi fogli di taccuino nel quale schizza con carboncino, matita o inchiostro tutto quello che osserva. In queste sue piccole opere su carta l’artista, anche in fasi alterne della sua produzione, mantiene caratteristiche formali molto spesso autonome rispetto ai suoi dipinti con una convergenza di soluzioni tutte personali che non permettono di datare con precisione questo genere di opere (G. Bruno, Plinio Nomellini, Milano 1985, p. 214). Pertanto l’assenza, anche in questo caso, di un’indicazione relativa alla datazione del disegno, a eccezione dell’iscrizione autografa "Pisa / 25 Marzo", non permette di stabilire con esattezza l’anno di esecuzione del foglio. Esso può comunque considerarsi come un appunto autonomo, un’annotazione grafica di una scena ripresa dal vero. Nel foglio, infatti, si può riconoscere la facciata della Chiesa di San Paolo a Ripa D’Arno a Pisa, nascosta da una serie di alberi posti sull’omonima piazza e al di sotto dei quali si trovano dei bambini e un’elegante donna che passeggia verso sinistra in una fredda giornata di primavera. In quest’opera Nomellini riesce a regalare attraverso diversi effetti di chiaroscuro e un incisività del segno, una soave intepretazionione lirica della città toscana. Il foglio, così come tutte le altre opere grafiche dell’artista, conservate presso il Civico Gabinetto di Disegni del Castello Sforzesco (invv. 4689 A 1644, 4691 A 1646, 4692 A 1647 Recto e Verso, 4693 A 1648), fu donato da Vittore Grubicy alle raccolte pubbliche nel 1920.
ProvenienzaGrubicy de Dragon, Vittore (donazione, 1920)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 4690 A 1645, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro