Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_2569 D 111_K01
OggettodisegnoAutoreFini, Leonora [Info autore]SoggettoTesta femminileDatazione1928 (datata/o)Materia e tecnicacarta, matita di grafite, biaccaMisuremm 408 x 327
Notizie storico-critiche"Sono sempre stata attirata dal disegno. Ho continuato a disegnare all’età in cui, verso i nove anni, la maggior parte dei bambini smette di farlo" (M. Masau Dan, Leonor Fini. L’italienne de Paris, Trieste 2009, p. 232). Sono queste le parole con le quali Leonor Fini si racconta negli anni Novanta; parole sintomatiche che tracciano il ritratto di un’artista che alla sua prolifica produzione pittorica affiancò sempre una altrettanto ricca attività grafica. Fin dalle opere giovanili, prodotte nella sua Trieste, si distinse per una tendenza alla forzatura espressionistica ed una inclinazione verso la caricatura. Verso la fine degli anni Venti l’artista si trasferì a Milano, dove incontrò Achille Funi "compagno e sodale in arte e in amore" ed entrò in contatto con il Ritorno all’Ordine propugnato da «Valori Plastici» prima e poi ufficializzato dal gruppo di Novecento. In questi anni produsse una serie di ritratti degli amici più cari, tra i quali i pittori Arturo Nathan e Carlo Sbisà, dove emerge uno spiccato senso realistico; a questa temperie culturale possiamo ascrivere la "Testa femminile" del 1928. Il disegno può essere accostato al più noto "Doppio autoritratto", di un anno precedente, nel quale Leonor si raffigura giovane - così come doveva essere al momento dell’esecuzione - e anziana, quasi una visone di come avrebbe dovuto apparire in futuro. Si riconosce lo stesso segno grafico che tende a raccontare la realtà così come è, senza risparmiare un’imperfezione o un dettaglio che il tempo ha impresso nel volto. Anche la "Testa femminile" appare realistica, nel non voler addolcire quei tratti marcati che delineano il viso muliebre, seppur ingentilito da uno sguardo lontano e assorto. Innegabili i contatti con il Ritorno all’Ordine, cui il disegno sembra guardare nell’evocare un volto aulicamente quattrocentesco, immobile nella sua statuaria bellezza e severità. Il disegno è stato acquistato nel 1929 dalla Galleria Milano, probabilmente dopo la mostra collettiva degli artisti triestini Leonor Fini, Arturo Nathan, Carlo Sbisà. In quell’occasione l’artista espose due disegni.
BibliografiaS. Benco, Leonora Fini, Arturo Nathan, Carlo Sbisà : dal 1. al 15 gennaio 1929, Galleria Milano, Milano, Milano 1929, p. 6 nn. 15-16 (?)F. Rossi, B. Mascellino, Civico Gabinetto dei Disegni, Castello Sforzesco. La promozione della grafica moderna a Milano tra Grubicy, Pica e la Galleria del Milione, in Novecento di carta, Milano 2018, p. 29
ProvenienzaGalleria Milano (acquisto, 1929)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 2569 D 111, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro