Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_2308 A 796 recto_K01
OggettodisegnoAutoreBock, Theophile de [Info autore]SoggettoSentiero alberatoDatazione1882 ca. - 1886 ca. (contesto)Materia e tecnicacarta, carboncino, acquerelloMisuremm 148 x 92
Notizie storico-criticheThéophile de Bock, interessato al disegno e alla pittura fin dalla più tenera età, alla fine degli anni Sessanta inizia a lavorare presso la società ferroviaria olandese all'Aia, dal quale dopo due anni viene licenziato perché intento a disegnare durante le ore di lavoro. Da quel momento in poi si dedica intensamente all'arte, alla pittura di paesaggio e in particolar modo alla raffigurazione di foreste e dune. L'acquerello in questione riproduce un sentiero di campagna circondato da una folta vegetazione che fa da barriera alle basse colline che si intravedono all'orizzonte. La fitta vegetazione resa con pennellate veloci contrasta con il tratto scuro del carboncino utilizzato per rappresentare gli esili alberi i cui rami tendono verso il cielo e che richiamano i paesaggi di Jean Baptiste Corot e dell'amico Jacob Maris, due tra gli artisti suoi contemporanei a cui Théophile si ispirò.
ProvenienzaGrubicy de Dragon, Vittore (donazione, 1920)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 2308 A 796 Recto, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro