Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AU_1999 E 22_K01
OggettodisegnoAutoreCasorati, Felice [Info autore]TitoloLiaDatazione1927 (datata/o)Materia e tecnicacarta, pigmento diluito, olioMisuremm 598 x 428
Notizie storico-criticheNella produzione artistica di Felice Casorati il disegno occupa un ruolo non secondario. Nelle più importanti rassegne espositive a cui l'artista prese parte, infatti, sono indifferentemente presenti sia opere grafiche che pittoriche. Nel 1924, ad esempio, tra le sedici opere esposte alla Biennale di Venezia, due sono disegni; lo stesso accade nel febbraio del 1929, durante una collettiva di artisti presso la Galleria Milano, o ancora all'interno della prima sala alla Seconda Mostra del Novecento Italiano, dove partecipa con sei fogli. In queste prime due mostre del 1929, Casorati espone Lia; uno splendido nudo femminile acquistato per le collezioni pubbliche milanesi proprio durante l'esposizione organizzata da Margherita Sarfatti. L'attenzione per il nudo nelle opere di Casorati è d'altronde uno dei motivi più ripetuti e analizzati dall'artista. La giovane modella è attraversata da una malinconica solitudine ed è presentata semidistesa su un ampio panneggio soavemente chiaroscurato. La figura è descritta secondo un ideale di perfezione e pura bellezza, mediante l'uso di un tratto che risulta sfumato dalla luce, che leviga il corpo e illumina diffusamente lo spazio della scena. L'opera si può, inoltre, mettere in rapporto con i nudi femminili realizzati dall'artista nel corso degli anni Venti come "Fanciulla dormiente" (1921), "Meriggio" (1923) o "Ragazze dormienti" (1927) in cui la plasticità dei loro corpi "si impone come snodo strutturale per la percezione dello spazio evocandone la scansione prospettica in una calibrata testura compositiva" (Dallaj 1991).
BibliografiaSeconda Mostra del Novecento italiano, Milano 1929, p. 21 n. 9G. Debenedetti, Mostra dei pittori Felice Casorati, Silvio Avondo, Mario Bionda, Sergio Bonfantini, Nella Marchesini, Daphne Maugham, Marisa Mori, Andrea Cefaly, Milano 1929, p. 15 n. 103Disegni contemporanei nelle Civiche Raccolte d'Arte, Milano 1971, n. 41, fig.A. Dallaj, Catalogo delle opere, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, Milano 1991, p. 167 n. 73, p. 119 fig. 73M. Garberi, Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, Milano 1991, p. 10M. Pratesi, Novecentismo, in Disegno italiano del Novecento, Milano 1993, p. 149D. Giacon, Milano. La "Mecca e l'Eldorado" degli artisti d'Italia, in Margherita Sarfatti, Milano 2018, p. 46, fig. 10 p. 46
ProvenienzaII Mostra del Novecento Italiano (acquisto, 1929)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 1999 E 22, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro