Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_689 [stralciato]_BN01
OggettodisegnoAutoreModigliani, Amedeo [Info autore]SoggettoCariatide in ginocchio verso destraDatazione1913 ca. (bibliografia)Materia e tecnicacarta, matita, pastello, gesso, inchiostroMisuremm 640 x 475
Notizie storico-criticheIl disegno, appartenuto al collezionista francese Paul Guillaume, risulta in vendita presso la Galleria Finarte di Milano nel 1971 (asta 123, n. 96) e subito dopo in una collezione privata del capoluogo lombardo fino al 1973. Successivamente passa di proprietà a Giuseppe Vismara e dal 1975 con una donazione, entra a far parte delle collezioni pubbliche (Patani 1992). La datazione del disegno è molto discussa; i maggiori studiosi che si sono occupati dell'opera grafica di Modigliani tendono a collocare il foglio intorno ai primi anni Dieci del Novecento: Franco Russoli al 1912, al 1913 Osvaldo Patani e infine Ambrogio Ceroni al 1914.
È principalmente nella rappresentazione di cariatidi e maschere primitive, attraverso una sintesi formale e l'estrema stilizzazione che in tali opere si raggiunge, caratteristiche che sembrano esaltarne la maestosità e la bellezza, che l'artista livornese raggiunge la pienezza del suo stile.
Nel disegno, la figura di una cariatide genuflessa, con la testa inclinata verso la spalla sinistra e il braccio destro sollevato in alto, emerge da una composizione geometrica di ovali, in cui la funzione architettonica viene trasfigurata e tende a scomparire, in un'immagine dalle morbidi curve in cui la sagoma del viso, sembra corrispondere a quella delle altre parti del corpo. Inoltre l'assenza di indicazioni spaziali e la leggerezza dei tratti della matita comprimono la figura all'interno del foglio, dando origine a una composizione creata probabilmente solo per un semplice diletto intellettuale.

BibliografiaF. Russoli, Mostra di Amedeo Modigliani, Milano 1958, p. 29 n. 50L. Vitali, Quarantacinque disegni di Modigliani, Torino 1959, n. 16A. Ceroni, Amedeo Modigliani, dessins et sculptures, avec suite du catalogue illustré des peintures, Milano 1965, p. 35 n. 122O. Patani, Amedeo Modigliani: Disegni, Milano 1972, n. 11O. Patani, Modigliani. Disegni, Milano 1976, pp. 127-128 n. 14C. Parisot, Modigliani. Catalogue Raisonné. Tome I Dessins, acquerelles, Livorno 1990, pp. 263, 344 n. 9/14, fig. 9/14A. Dallaj, Catalogo delle opere, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, Milano 1991, pp. 98, 130 n. 38O. Patani, Amedeo Modigliani: catalogo generale: sculture e disegni: 1909-1914, Milano 1992, p. 165 n. 176R. Ghiazza, Opere, in La collezione Vismara, Milano 2003, pp. 38-39 n. 10, fig. p. 39A. Oldani, Galleria d'Arte Moderna, collezioni grafiche. Amedeo Modigliani: la Madame Hastings in poltrona della Collezione Vismara, in Novecento di carta, Milano 2018, p. 61
ProvenienzaVismara, Giuseppe (legato, 1975)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniCollezione Paul Guillaume
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 689 [stralciato], scheda di Mascellino, Bruno 2017.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro