Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_568_K01
OggettodisegnoAutoreBoccioni, Umberto [Info autore]SoggettoVoglio fissare le forme umane in movimento (Linea unica della continuità nello spazio; Bianco e nero)Datazione1913Materia e tecnicacarta, matita, inchiostro a pennello, temperaMisureca. mm 870 x 570
Notizie storico-criticheL'opera è un d'après della vista dal lato sinistro della scultura Forme uniche della continuità nello spazio, gesso esposto alla "Esposizione di Scultura futurista del pittore e scultore futurista Boccioni" allestita a Parigi nel 1913. Il disegno, dal quale deriva anche una litografia, venne presentato nella personale Esposizione di scultura futurista che ebbe luogo a Firenze nel 1914. Boccioni lo inserì nella sezione Voglio fissare la forma umana in movimento, esplicitando il senso delle proprie ricerche volte a cogliere "il ponte tra l'infinito plastico esteriore e l'infinito plastico interiore" come enunciato nel Manifesto tecnico della scultura futurista. Appartenuta alla sorella di Boccioni, la tempera passò all'aviatore Fedele Azari e in seguito a Ausonio Canavese che nel 1934 la donò, insieme ad altre opere, al Comune di Milano. All'epoca dell'ingresso nelle raccolte museali il suo titolo era Bianco e nero.
BibliografiaDel Puppo, "Lacerba", 2000, p. 217M. Calvesi, E. Coen, Boccioni. [L'opera completa], Milano 1983, p. 484 n. 876, fig. 876A. Dallaj, Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano e Catalogo delle opere, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano/ Catalogo della mostra, Milano, 1991, Milano 1991, pp. 87, 166 n. 26, tav. 26L. Caramel, Il disegno futurista, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano/ Catalogo della mostra, Milano, 1991, Milano 1991, p. 28E. Crispolti, Príklady Futuristické rekonstrukce vesmíru. Esempi di ricostruzione futurista dell'universo [Futuristická rekonstrukce vesmíru]/ Catalogo della mostra, Praha, 1994, Praha 1994, p. 21 n. 12M. T. Fiorio, Disegni e incisioni, in Il Futurismo a Milano. Anticipazioni per il nuovo Museo d'Arte Moderna e Contemporanea/ Catalogo della mostra, Milano, 2002, Milano 2002, p. 118, tav. s.n.G. Dorfles, Idea di velocità, percorsi del novecento, in Il mito della velocità. L'arte del movimento dal futurismo alla video-arte/ Catalogo della mostra, Mantova, 2003, Mantova 2003, p. 57, fig. s.n.P. Bellini, Umberto Boccioni. Catalogo ragionato delle incisioni, degli ex libris, dei manifesti e delle illustrazioni, Cinisello Balsamo 2004, p. 107, fig. 141Del Puppo A., L'ordine del discorso. Osservazioni sui Dinamismi di Boccioni, in Boccioni. Pittore scultore futurista/ Catalogo della mostra, Milano, 2006-2007, Milano 2006, pp. 98-99, 108, fig. 87Mattioli Rossi L., Elenco delle opere in mostra, in Boccioni. Pittore scultore futurista/ Catalogo della mostra, Milano, 2006-2007, Milano 2006, p. 185Mattioli Rossi L., Dalla scultura d'ambiente alle forme uniche della continuità nello spazio, in Boccioni. Pittore scultore futurista/ Catalogo della mostra, Milano, 2006-2007, Milano 2006, p. 74G. Lista, Gli anni dieci: il dinamismo plastico, in Futurismo 1909-2009. Velocità+Arte+Azione/ Catalogo della mostra, Milano, 2009, Milano 2009, p. 138 n. III.29, fig. 127D. Viva, Moto assoluto + moto relativo. Appunti di cinematica per il dinamismo plastico, in Umberto Boccioni (1882-1916). Genio e Memoria, Milano 2016, cat. 205, p.184, fig. 1, p. 185L. Bergamo, Regesto delle opere in mostra, in Umberto Boccioni (1882-1916). Genio e Memoria, Milano 2016, cat. 205, p. 302, fig. 205, p.200S. Vacca, Disegni del Castello Sforzesco. Schede, in Umberto Boccioni (1882-1916). Genio e Memoria, Milano 2016, cat. 32/205, p. 279, fig. 32, p. 279F. Rossi, Il catalogo dei disegni di Boccioni del Castello Sforzesco, in Umberto Boccioni. I disegni del Castello Sforzesco di Milano, Milano 2017, nota 9, p. 9; pp. 12, 13G. Poldi, I colori di Boccioni. Uno studio scientifico preliminare sui disegni del Castello Sforzesco, in Rassegna di studi e di notizie, Milano 2017, p. 132S. Vacca, Schede, in Umberto Boccioni. I disegni del Castello Sforzesco di Milano, Milano 2017, cat. 32, pp. 111-112, fig. 32, p. 111; tav. p. 53
ProvenienzaCanavese, Ausonio (donazione, 1934)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 568, scheda di Dallaj, Arnalda 2005; Vacca, Silvia 2014.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro