Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_546_K01
OggettodisegnoAutoreNovelli, Gastone [Info autore]SoggettoTetto del monteDatazione1964 (datata/o)Materia e tecnicacarta, matita di grafite, pastelloMisuremm 497 x 696
Notizie storico-criticheLa produzione artistica di Gastone Novelli costituisce una delle ricerche espressive più rilevanti all’interno del panorama culturale italiano degli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. Esponente di punta della neoavanguardia, nonchè fondatore insieme ad Achille Perilli de "L’Esperienza Moderna" e de la "Grammatica" con Perilli, Giuliani e Manganelli (due delle riviste italiane più attente agli sviluppi della cultura contemporanea e alla "nuova figurazione"), Novelli elabora la sua opera come una nuova contrapposizione tra materia e gesto. Nelle sue pitture, così come nei suoi disegni, le forme e i segni sono carichi di vivacità espressiva e si concentrano verso nuove strutture semantiche di narrazione. Nel 1984 le civiche raccolte hanno acquistato da Giovanola Ripandelli, moglie dell’artista, otto opere su carta realizzate con tecnica mista. Queste ripercorrono la poetica creativa di Novelli all’interno di un periodo che va dal 1957 al 1968. Partendo da un atto informale, dove la creazione è concepita come energia di una nuova vita e superamento dell’antitesi tra figurativo e non figurativo, tali opere arrivano a un disegno che diventa scrittura, pensiero, concetto creativo. Se nei fogli della fine degli anni cinquanta (invv. 541, 542, 543) si osservano grumi materici di colore, grovigli di segni che affiorano latenti attreverso linee, nei fogli del decennio successivo (invv. 544, 545, 546, 547, 548) si assiste, invece, a un nuovo modo di lavorare, dove non è più possibile distinguere la scrittura dal disegno.
In alcuni fogli, ad esempio, (invv. 542, 543) spesse pennellate di colore diventano cancellature che lasciano affiorare simboli e macchie in trasparenza; in altri ancora (invv. 544, 545) il segno domina la composizione attraverso una scrittura automatica che diventa flusso di coscienza, il foglio bianco è diviso in settori ed è ricoperto da frasi e frammenti d’immagine. Infine, in altri (inv. 546, 548) la sagoma della montagna, con annotazioni e parole o quella della barca che galleggia in un mare di linee colorate, diventano simboli archetipi all’interno di un nuovo modo di comunicare .
Il tratto del medium grafico con cui l’artista lavora è leggero, narrativo e sapiente; inoltre, come osservato da Massimo Bignardi, nelle sue opere grafiche "Gastone Novelli sottrae la linea al suo ruolo costruttivo, riducendo la presenza a mera traccia, corsiva e rapida apparizione, di minime annotazioni poste ai margini [...]. Il disegno diviene un processo d’immediato contatto, di facile fruire dell’immaginario e soprattutto delle energie sprigionate dagli stati profondi della psciche che vanno ad insinuarsi nei territori di fondi corposi, densamente plastici come avviene soprattutto nelle opere pittoriche" (M. Bignardi, l disegno dello "spregiato", in M. Perosino, Disegno italiano del Novecento, Milano 1993, p. 292). Un’antologia della sua opera su carta è stata curata da Flamionio Gualdoni al Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano nel 1983, occasione nella quale furono esposti anche alcuni dei fogli sopra citati (invv. 544, 545, 548).

ProvenienzaRipandelli, Giovanola (acquisto, 1984)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 546, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro