Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_505_K01
OggettodisegnoAutoreSezanne, Augusto [Info autore]TitoloUn mattino dopo un'incursione aereaDatazione1916 (datata/o)Materia e tecnicacarta, gouacheMisuremm 753 x 730
Notizie storico-critichePittore, decoratore, illustratore, incisore e architetto, Augusto Sezanne sceglieva spesso, come soggetto delle proprie opere, ritratti, paesaggi naturalistici, scene di vita, figure di animali e decorazioni floreali realizzati in stile Liberty. Con i suoi lavori, partecipò alle maggiori esposizioni nazionali e internazionali e collaborò con diverse riviste illustrate italiane. Si occupò, inoltre, della serie degli otto manifesti che annunciarono l'apertura della Biennale di Venezia negli anni in cui la manifestazione fu affidata prima ad Antonio Fradeletto e poi a Vittorio Pica. Benché l'architettura e la decorazione murale occupassero gran parte della sua attività, l'artista non trascurò la pittura da cavalletto a olio e a tempera, realizzando dipinti di vario genere e scorci dell'adorata Venezia. In essi, l'artista ha voluto raccontare sia i momenti migliori della città che quelli più bui e tristi, come i tragici avvenimenti della Grande Guerra. La tempera su carta intitolata "Mattino dopo l'incursione aerea a Venezia", conservata presso le raccolte del Gabinetto di Disegni del Castello Sforzesco, ne è un esempio; essa infatti raffigura una veduta della Serenissima il mattino dopo i bombardamenti aerei delle forze austriache. Il foglio mostra la città incendiata e fumante vista dall'alto di un palazzo, e in primo piano una giovane donna inginocchiata sulla sommità di un edificio mentre si dispera per il disastro che le bombe hanno causato. Precedentemente intelaiata e dotata di una cornice dorata, sul controfondo del disegno (staccato nel corso di un intervento di restauro), si leggeva la scritta "Augusto Sezanne. R. Istituto Belle Arti Venezia - Venezia 1916 - "Un mattino dopo una incursione aerea". Fu acquistato nel 1917 durante la mostra "Esposizione delle tre Venezie" presso la Galleria Pesaro, un'esposizione di artisti provenienti o legati alla città lagunare per ragioni artistiche o di storia. Così come recita il catalogo dell'esposizione, la mostra fu ospitata a Milano a causa delle "ardue condizioni create dalla guerra alla Città di S. Marco", le quali impedirono "di accogliere questa Esposizione, che sarebbe idealmente sua. Venezia dopo aver ospitato per un ventennio l'arte di tutto il mondo, deve chiedere ospitalità per gli artisti che più le appartengono" (cfr. Esposizione delle tre Venezie, 1917).
BibliografiaEsposizione delle tre Venezie, 1917, Milano 1917, p. 15 n. 95G. Nicodemi, M. Bezzola, Comune di Milano. La Galleria d'Arte Moderna. I dipinti, Milano 1935, p. 479 n. 2064L. Caramel, C. Pirovano, Galleria d'arte moderna, Opere dell'Ottocento, v. III, Milano 1975, p. 674 n. 2319, tav. 2324F. Rossi, B. Mascellino, Civico Gabinetto dei Disegni, Castello Sforzesco. La promozione della grafica moderna a Milano tra Grubicy, Pica e la Galleria del Milione, in Novecento di carta, Milano 2018, p. 26, p. 27 fig. 1
ProvenienzaEsposizione Tre Venezie (acquisto, 1917)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 505, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro