Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_481_K01
OggettodisegnoAutoreViani, Lorenzo [Info autore]SoggettoVecchi coniugiDatazione1911 ca. (bibliografia)Materia e tecnicacartone, pastelliMisuremm 980 x 675
Notizie storico-criticheTra il 1909 e il 1911 numerosi sono i viaggi compiuti da Lorenzo Viani nella capitale francese, in un periodo cruciale per la cultura artistica contemporanea e lo sviluppo dell'intellighenzia europea di inizio secolo. Nel dicembre del 1911 l'artista, tornato nuovamente a Parigi, è ospite, all'interno di un ambiente frequentato da esponenti dell'anarchia e dell'umanitarismo internazionale, dal filosofo e anarchico greco Georges Brissimizakis presso l'Hôtel du Panthéon. Nel clima di fervente protesta antimilitarista contro la guerra in Libia, realizza dieci cartoni a carboncino intitolati "Alla gloria della guerra", nei quali mette in luce gli effetti della lotta armata ed esprime un sentimento di angoscia esistenziale, di miseria e dolore (cfr. M. De Micheli, Un viatico per Lorenzo Viani, in Lorenzo Viani, catalogo della mostra a cura di M. De Micheli, P. Pacini, Milano 1986, pp. 15-29, 55 n. 16. VI). Il disegno a pastello del Castello Sforzesco costituisce uno studio per uno dei cartoni sopra citati: "L'inutile attesa". Entrambe le opere sono caratterizzate dalla presenza di due coniugi ritratti con sguardi impietriti e misurata gestualità. Nel foglio in esame è ancora assente, nella parte bassa, il cadavere di un soldato ai piedi delle due figure che compare invece nell'opera finita. Rispetto a quest'ultima, inoltre vi è una minore ampiezza dello scorcio di campagna alle spalle dei due contadini, la quale "non ha ancora trovato la tensione drammatica e fratta della versione finale ove i due nuclei figurativi sono cementati in un'unica emozione visiva" (Dallaj 1991).
Viani si esprime qui attraverso un'arte dal contenuto sociale, raffigurando la disperazione crescente di due genitori che attendono inutilmente il ritorno del proprio figlio. Come ricordato da Arnalda Dallaj il titolo del bozzetto diviene "Vecchi Coniugi" in occasione dell'esposizione monografica dell'artista nel 1915, al fine di creare un'uniformità tematica tra questa e le altre opere in mostra.

BibliografiaEsposizione personale delle opere del pittore Lorenzo Viani, Milano 1915, p. 44 n. 623G. Nicodemi, M. Bezzola, Comune di Milano. La Galleria d'Arte Moderna. I dipinti, v. II, Milano 1939, p. 256 n. 3121A. Dallaj, Catalogo delle opere, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, Milano 1991, p. 175 n. 43, p. 102 fig. 43M. Perosino, A cavallo di un secolo. Il disegno in Italia tra l'Ottocento e il Novecento, in Disegno italiano del Novecento, Milano 1993, pp. 66-67, fig. 87Il lavoro inciso: capolavori dell'arte grafica da Millet a Vedova, Milano 2006, p. 146Regesto delle opere, in Novecento di carta, Milano 2018, p. 236 n. 39, p. 117 tav. 39
ProvenienzaMostra di Viani (acquisto, 1915)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 481, scheda di Mascellino, Bruno 2017; Bergamo, Lucia 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro