Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_476_K01
OggettodisegnoAutorePaladini, Vinicio [Info autore]SoggettoBozzetto di scenografia per Costruzione su temi barocchiDatazione1932 (datata/o)Materia e tecnicacarta, matita, tempera, collageMisuremm 500 x 722
Notizie storico-criticheIspirandosi all'opera pirandelliana "Sei personaggi in cerca d'autore", il 12 novembre 1932 nelle proprie sale di via Brera la Galleria del Milione inaugurava una mostra di scenografia moderna con bozzetti, plastici e maschere teatrali di un gruppo di giovani scenografi: "Nove giovani scenografi milanesi in cerca di un palcoscenico italiano".
In quell'occasione esposero Gilberto Bassoli, Giovanni Broggi, Franco Cagnoli, Isasia Colombo, Mario Cristini, Enrico Kaneclin, Bruno Montonati, Vinicio Paladini e Umberto Zimelli, tutti artisti milanesi di nascita o di adozione e legati a tendenze astratte e razionaliste. Presentati sul Bollettino n. 2 della galleria da Anton Giulio Bragaglia, questi artisti costituivano il "Gruppo giovani scenografi milanesi" e pubblicarono il proprio manifesto sul bollettino.
Nelle loro opere svilupparono una nuova innovazione scenica futurista, rinnovata da una componente artistica internazionale. Essi infatti, troppo giovani per aver potuto vivere l'esperienza marinettiana, erano indirizzati verso stimoli di respiro più internazionali come il cubismo, l'espressionismo o in architettura il razionalismo europeo del Bauhaus. Dall'analisi delle otto opere acquistate in quell'occasione dalle Civiche Raccolte milanesi e conservate presso il Gabinetto di Disegni del Castello Sforzesco (invv. Agg. 476, 489, 490, 491, 492, 493, 494, 498), emerge come le scenografie non seguano più le tendenze della pittura, ma tornino a ispirarsi all'architettura. Tuttavia è evidente che l'impaginazione scenica di alcuni dipinti del gruppo Novecento o della Metafisica sono stati punto di riferimento per un linguaggio formale poi sviluppato da questi artisti. "Carrà e Sironi diventano gl'involontari veicoli che permettono di prendere contatto con il razionalismo del Bauhaus o addirittura con l'espressionismo, ivi compreso quello scenografico che suggeriva le soluzioni più arditamente avanguardistiche del tempo in campo teatrale e cinematografico" (M. Monteverdi, Avanguardia a teatro tra le due guerre: Avanguardia (di ieri) a Milano, Milano 1974, p. 22).
Queste opere nate per un palcoscenico mai trovato si caratterizzano per la presenza di volumi squadrati in cui vengono contrapposti fasci di luce che annullano i limiti immaginari del fondale. Moduli architettonici che si sovrappongono a spartiture spaziali o che cercano fughe prospettiche attraverso un rigore d'impostazione cubista, espressionista o astratta.

BibliografiaNove giovani scenografi milanesi in cerca di un palcoscenico italiano, in Bollettino Il Milione, Milano 1932, s.p. n. 3G. Nicodemi, M. Bezzola, Comune di Milano. La Galleria d'Arte Moderna. I dipinti, Milano 1939, p. 188 n. 2848Nuovi archivi del futurismo, Roma 2010, pp. 499-502
ProvenienzaGalleria del Milione (acquisto, 1932)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 476, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro