Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_429 verso_K01
OggettodisegnoAutoreManzoni, Giacomo detto Manzù [Info autore]SoggettoStudio per una DeposizioneDatazione1945 (datata/o)Materia e tecnicacarta, carboncino, acquerelloMisuremm 662 x 463
Notizie storico-criticheI disastri causati dalla Seconda guerra mondiale hanno prodotto tra gli artisti un forte senso di disperazione e un estremo bisogno di raffigurare il sacro. Interprete di tale necessità fu Giacomo Manzù il quale, mentre nel 1945 presentava gli studi sul tema della Crocifissione, bassorilievi realizzati tra il 1939 e il 1942, annunciava la realizzazione di altre due serie di opere: la Pietà e il Convegno dei Santi e martiri (Dallaj 1991). A queste opere e alla Pietà Rondanini di Michelangelo gli studiosi hanno messo in relazione i due disegni con i rispettivi studi (sul verso di ogni foglio), realizzati dall'artista nel 1945 e acquistati per le Raccolte Civiche Milanesi nel 1953 (invv. 428 Recto, inv. 429 Recto)
La composizione di tali opere riprende, infatti, uno degli ultimi bassorilievi della Crocifissione dell'artista, costruita sulla centralità verticale del corpo di Cristo, e si riallaccia all'opera michelangiolesca "nell'urgenza di catturarne, attraverso il segno, il vibrante luminismo della superba 'plastica come frammento' tanto congeniale alla sensibilità di Manzù" (Dallaj 1991). Come osservato da Paolo Rusconi, inoltre, il legame iconografico e l'intensa drammaticità comune all'opera di Michelangelo si evince chiaramente dallo schizzo a matita presente sul verso di uno dei fogli; esso è presentato "nel voluto arcaismo della composizione e nella disposizione delle figure. La ricerca di contorni crudamente segnati e di anatomie al limite della deformazione, manifestano l'interesse per la cultura del Nord e per una religiosità severa, attenta alle sensibilità individuali" (Rusconi 2001).

BibliografiaA. Dallaj, Catalogo delle opere, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, Milano 1991, p. 170 n. 100V. Fagone, Gli anni Trenta, Corrente e il disegno, in Da Modigliani a Fontana. Disegno italiano del XX secolo nelle Civiche Raccolte d'Arte di Milano, Milano 1991, p. 68, fig.
ProvenienzaManzoni, Giacomo detto Manzù (acquisto, 1953)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei DisegniGalleria d'Arte Moderna, Milano
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 429 Verso, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro