Lista
Lista
Lista
Lista
Lista
  • Bacheca dei siti suggeriti:
  • [Treccani]
  • [Wikipedia]
  • [GabinettoDisegniEStampeUffizi]
  • [BritishMuseum]
  • [Louvre]
  • [Prado]
  • [MetropolitanMuseum]
  • [VictoriaAlbertMuseum]
  • [Albertina]
  • [BibliotecaMediceaLaurenziana]
  • [BibliotecaApostolicaVaticana]
  • [InternetCulturale]
  • [KIT]
  • [SBNRL]
  • [SBNIT]
  • [Azalai]
  • [Incunabula]
  • [Edit16]
  • [Catalogo Italiano dei Periodici]
  • [ManusOnLine]
  • [Calcografica]
  • [ACRI]
  • [Gallica]
  • [Iconclass]
  • [Emporium]
  • [LombardiaBeniCulturali]
Risultati 1-1 su 1
AG_383_K01
OggettodisegnoAutoreAndreoni, Cesare [Info autore]SoggettoResa dei partigianiDatazione1942 (datata/o, bibliografia)Materia e tecnicacarta, matita, acquerelloMisuremm 440 x 638
Notizie storico-criticheNel 1941, su incarico dell’Ufficio Propaganda, Cesare Andreoni lascia Milano e prende parte prima in Croazia e, successivamente, in Russia alla campagna bellica come corrispondente di guerra. Datato al 1942, così come indicato dall’annotazione manoscritta, è l’acquerello "Resa di partigiani", opera eseguita dal pittore a Krissino. Il disegno, in bilico tra spontaneità e maniera, ha uno stile e una qualità espressiva che risulta diacronica rispetto alla precente produzione milanese. Nonostante ciò, nel foglio sembra affiorare il ricordo delle opere di Aligi Sassu, un lirismo chiaro e lampante e una linea pittorica bonaria dal sapore bruegheliano. Due partigiani sono descritti attraverso una rigorosa selezione dei gesti, con schietta e spontanea semplicità realistica. I due protagonisti, con occhi profondi e vigili, vengono rappresentati con minuziosi particolari espressivi e sembrano dominati da un’istintiva rassegnazione, come gli attori di un dramma momentaneo. Andreoni, tornato nel capoluogo lombardo nel 1943, porta con sè una sterminata quantità di disegni, schizzi e acquerelli. Queste opere documentano con intelligente umanità i luoghi attraversati, le vicende delle truppe al fronte e quelle delle popolazioni locali.
BibliografiaL. Sansone, M. Chirico, A cento anni dalla nascita: Cesare Andreoni: futurista milanese, Milano 2003, pp. 57, 72 n. 45, fig.A. Panzera, M. Chirico, Futurismo, un archivio "di famiglia". Il pittore futurista e la pronipote critico-storico dell’arte e del design, in Futurismo. Dall’avanguardia alla memoria, Rovereto 2004, p. 176
Provenienza(?) (acquisto, 1943)
CollocazioneComune di MilanoGabinetto dei Disegni
AvvertenzeLe informazioni contenute nella presente scheda hanno valore di pubblicazione, pertanto in caso di citazione in pubblicazioni e/o tesi universitarie, dovrà essere riportata la seguente voce:
http://www.comune.milano.it/graficheincomune, Civico Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco di Milano, inv. 383, scheda di Mascellino, Bruno 2018.
Le opere sono tutelate dal diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 e integrazioni).
L'utilizzo di immagini riproducenti opere di artisti viventi o morti da meno di 70 anni, quindi non ancora di Pubblico Dominio, esige l'autorizzazione dell'avente diritto o della SIAE, sezione OLAF, se quest'ultima lo rappresenta.
Per quanto concerne l'utilizzo delle immagini delle opere di proprietà di questo Istituto Civico, si invita a prendere visione e a compilare la richiesta di autorizzazione qui allegata e le condizioni d’uso, ai sensi del Regolamento per i Civici Istituti d'Arte, Scienza e Storia e, per quanto riguarda le tariffe, della delibera di G.C. n. 3175/2002.
[Allegato]
Ideazione concept Graficheincomune:
Benedetta Gallizia di Vergano, Michele Stolfa
 - 
Realizzazione informatica:
TAI S.a.s. di Marino Delfino e Paolo Ongaro